Anche un uomo di Lentini tra i 4 autori della rapina a mano armata al Mc Donald’s di Catania

rapina-mc-catania

Gli arrestati, assolte le formalità di rito, venivano associati al carcere Piazza Lanza di Catania

Grazie ad una attività investigativa eseguita in perfetta osmosi tra gli Agenti del Compartimento Polizia Stradale Sicilia Orientale – Sezione Polizia Stradale di Catania e i Carabinieri del Comando Provinciale, nel giro di poche ore i quattro criminali che la scorsa notte hanno assalito, a mano armata e con il volto travisato da passamontagna, il Mc Donald’s di piazza Stesicoro in pieno centro storico, sono stati assicurati alla giustizia.

Gli arrestati sono tre catanesi e uno proveniente dalla provincia di Siracusa, tutti con precedenti penali per rapina.  Sono stati arrestati dalla Polizia di Stato Giuseppe Alecci (catanese classe 1986), Mirko Musumeci (catanese classe 1990) e Marco Sortino (lentinese classe 1977) e dall’Arma dei Carabinieri il quarto malvivente, il 39enne catanese Giovanni Leone, tutti pregiudicati, per rapina aggravata in concorso.

In particolare, a seguito di chiamata pervenuta sul 112 (N.U.E.), i militari sono intervenuti nel “Mc Donald’s” di piazza Stesicoro, dove all’ 01.50, quattro sconosciuti a viso coperto ed armati di pistola e coltello si facevano consegnare dal responsabile di turno la somma contante di circa 8.000 euro.

Nel corso della notte mentre l’Arma dei Carabinieri procedeva con il primo immediato intervento, la Polizia Stradale mentre transitava all’interno dell’area di servizio “Eni” sita al km.13,600 della tangenziale di Catania direzione Me-Sr, notava un’autovettura mini cooper con tre soggetti a bordo che, alla vista dell’equipaggio accelerava l’andatura in direzione Siracusa.

Pertanto gli agenti della Polstrada, notiziando la sala operativa compartimentale si ponevano all’inseguimento del veicolo che, con non poche difficoltà e dopo circa 4 chilometri, veniva bloccato sulla corsia di emergenza.

Bloccata l’autovettura gli operatori procedevano al controllo degli occupanti nonché a perquisizione personale degli stessi estesa al veicolo che dava esito positivo. Infatti, veniva rinvenuta una busta in plastica contenente 598 euro in monete di diverso taglio, nonché indumenti vari ovvero 1 giubbotto nero, 1 felpa di colore grigio e blu, 1 giacca di tuta ginnica blu e strisce bianche e azzurre, 1 scaldacollo, 2 cappellini e 4 apparecchi tipo walkie talkie; dalla perquisizione personale venivano rinvenuti all’interno della tasca dei pantaloni di Sortino la somma di 1.250 euro in banconote di vario taglio.

Dai risvolti info investigativi si appurava che precedentemente, era stata diramata nota di una rapina perpetrata, alle 2, ai danni dell’esercizio commerciale Mc Donald’s sito in Catania di piazza Stesicoro, ad opera di malviventi travisati armati di coltello; pertanto, con l’ausilio di personale dell’UPGSP della locale Questura, i tre soggetti venivano accompagnati presso gli uffici della Polizia Stradale.

Nel frattempo, personale della Polizia Giudiziaria del locale Compartimento Polizia Stradale prendeva contatti con il predetto esercizio commerciale e con personale dell’Arma dei Carabinieri di Piazza Dante intervenuta sul posto, accertando chiaramente dalla visione dei filmati del sistema di video sorveglianza del predetto esercizio, che i tre fermati corrispondevano esattamente ai soggetti che avevano, poco prima, consumato la rapina a mano armata di coltello.

Proseguendo l’attività investigativa, i militari dell’Arma riuscivano a dare un volto al quarto criminale, appunto Giovanni Leone, localizzato e catturato all’interno della propria abitazione dove i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato: la somma in contanti equivalente a circa 800 euro, nonché gli indumenti utilizzati dal malvivente durante la rapina.

Gli arrestati, assolte le formalità di rito, venivano associati al carcere Piazza Lanza di Catania.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo