Approvato il bilancio consuntivo 2016 e il preventivo 2017 di Ias: il comune di Priolo si astiene ma esprime fiducia nel lavoro del presidente Brandara

Il commento di Peppe Germano: "Il nostro voto di astensione, assieme al Comune di Melilli è un segnale di fiducia al Presidente ed al lavoro che sta svolgendo e che ci auguriamo sia in discontinuità con un passato che non ci soddisfa"

Priolo Gargallo, Ias: chiesto un incontro con l'assessore Lo Bello e con il commissario Irsap Brandara

In data odierna si è svolta nei locali dell’Irsap di Viale Scala Greca in Siracusa l’Assemblea Ordinaria dei soci dell’Ias. All’ordine del giorno l’approvazione del bilancio consuntivo 2016 e l’approvazione budget previsionale 2017.

Nonostante la permanenza delle criticità, già evidenziata nelle passate assemblee, ma considerato il nuovo corso dato dalla Presidente Brandara, insediata da pochissimi mesi, e apprezzandone il lavoro egregio fin qui svolto, il Comune di Priolo Gargallo ha deciso di astenersi, anziché votare negativamente i provvedimenti odierni, permettendo nei fatti, l’approvazione del bilancio e del budget e mettendo in salvaguardia le sorti dell’azienda e i relativi livelli occupazionali.

La relazione introduttiva della Presidente Brandara – commenta Peppe Germano, membro dell’Assemblea dei Soci Ias in rappresentanza del Comune di Priolo Gargallo –  ci ha convinti a dare fiducia, nonostante persistano, purtroppo a nostro giudizio, situazioni non in linea con la corretta gestione di una società sana che vuole ancora avere un futuro. Il nostro voto di astensione, assieme al Comune di Melilli è un segnale di fiducia al Presidente ed al lavoro che sta svolgendo e che ci auguriamo sia in discontinuità con un passato che non ci soddisfa. Ringraziamo la Presidente Brandara per le parole di grande apprezzamento che ha voluto riservarci in assemblea, tanto al Comune di Priolo Gargallo quanto al Comune di Melilli per il gesto di grande maturità. Ci auguriamo che il futuro sia in linea con le nostre aspettative e che ci riservi  una gestione oculata ed un serio piano di investimenti e rilancio dell’IAS che purtroppo è mancata in questi ultimi anni”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi