Calcio a 5, Final eight: il Maritime Augusta travolge Isernia e approda in finale contro il Barletta

maritime_festeggia

Vittoria esagerata (8-1), finale centrata e Palajonio festante. La semifinale con l’Isernia prende la forma di una grandissima serata di sport che va ben oltre il risultato maturato sul campo. Il fischio finale dà il via alla festa di… entrambe le squadre. Vincitori e vinti festeggiano insieme, spostandosi anche sotto le “curve” dei reciproci tifosi. Le foto di gruppo finali offrono una testimonianza concreta di quanto accaduto. Da pubblicare e condividere. Per rimarcare le emozioni e lo spettacolo che questo sport può e deve offrire. Sfida dopo sfida, evento dopo evento.

L’ATTO FINALE. Stasera, alle 20.30, il Maritime Augusta affronterà il Barletta (5-3, sul Torrino) con l’intento, dichiarato, di trattenere la Coppa Italia ad Augusta.

LA PARTITA. L’Isernia prova a reggere la forza d’urto del Maritime, ma vanamente. La squadra plasmata dal coach spagnolo Miki e dal tattico Manolo è un fiume in piena; minuto dopo minuto cresce e travolge. Era accaduto ieri con il Potenza Picena (unica formazione imbattuta dei campionati nazionali di calcio a 5, prima di cadere al Palajonio) è successo stasera contro l’Isernia, l’unica delle otto finaliste ad aver già acquisito la promozione in Serie A2. Lo score finale è eloquente.

IL PRIMO TEMPO. L’inizio è tutto per l’augustano doc Davide Spampinato che prima timbra la traversa e poi sblocca il risultato con un bolide centrale, coronando una veloce azione corale. Il Maritime vola, spinge ancora e trova il varco giusto con Lemine che da posizione centrale scaglia un bomba imprendibile. L’Isernia si fa viva con un missile di  Bidinotti dalla distanza, Dal Cin devia in angolo. Sull’altro fronte solo una conclusione di Bico, ben parata da Carlos Dalcin. Il tris del Maritime è un capolavoro. Carlos Dalcin avvista il portiere avversario Gallon (spesso schierato in posizione avanzata) fuori dai pali e serve un preciso pallonetto per Zanchetta che, appostato alle spalle del portiere avversario, deposita di testa, con facilità.  L’Isernia reagisce e con una traversa interna timbrata da Melfi che poco dopo manca la deviazione vincente da posizione ravvicinata.

SECONDO TEMPO. Isernia subito avanti con Rafinha che prova il destro, Dal Cin dine di no. L’Isernia prova a spingere, ma si scopre lasciando una prateria a Zanchetta che lascia partire un destro imprendibile: il 4-0 chiude virtualmente i conti.  Il Maritime continua a dare gas, finendo per dilagare. Zanchetta offre alla diretta tv, un gol da antologia: il suo sinistro al volo, dalla distanza, piega le mani a Gallon (5-0). Il finale è tutto di marca biancoblu.  La formazione avversaria tenta il tutto per tutto, avanza anche il portiere, ma e finisce per incassare le reti di Braga (su assist e ripartenza di Spampinato), Follador (a porta vuota) e Spampinato. La festa continua…

Le dichiarazioni al termine di Maritime Augusta-Isernia (8-1) che ha sancito la qualificazione della squadra megarese alla finale della Coppa Italia di Serie B. La gara si giocherà alle 20.30, contro il Barletta che ha eliminato il Brillante Torrino.

COACH MIKI. “Ancora non abbiamo conquistato nulla. Dobbiamo restare concentrati e proseguire su questa strada“.

PEDRINHO. “Sapevamo della difficoltà della partita. Ci siamo concentrati tanto, abbiamo fatto tutto bene anche le tattiche che abbiamo studiato. Abbiamo saputo gestire bene la partita“.

BRAGA. “Sono riuscito a dare il mio contributo, alla squadra, per centrare la finale. Abbiamo la prima finale dell’anno, siamo molto concentrati perché sappiamo che è una gara secca ed una partita difficile”.

SPAMPINATO. “Siamo molti soddisfatti per aver raggiunto la finale, ma dobbiamo stare concentrati c’è una finale da giocare. Abbiamo sbloccato la partita nelle battute iniziale, seguendo le indicazioni di Miki e Manolo che per tutta la settimana ci hanno introdotto nella partita nella maniera più semplice“.

BIDINOTTI (CAPITANO INSERNIA). “Oggi al Palajonio Abbiamo vissuto una bellissima serata di sport. Uno sport sano, il calcio a 5 nel migliore dei modi. Dobbiamo essere felici per tutto quello che è successo. Noi siamo venuti qui da promossi in A2 e per cercare di fare il nostro meglio. Da capitano faccio i migliori complimenti ai miei ragazzi, abbiamo lottato sino alla fine. Faccio anche i complimenti al Maritime che è una squadra tosta, organizzata fatta da grandissimi uomini e giocatori“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi