Contratto di servizio Trenitalia pronto per la firma: prevista la riapertura della Siracusa-Ragusa-Gela-Caltanissetta e non solo

Paolo Sanzaro, segretario generale della Ust Cisl Ragusa Siracusa, e Alessandro Valenti, responsabile del presidio Fit Cisl Siracusa, intervengono alla vigilia della firma sul nuovo Contratto di servizio tra Regione Siciliana e Trenitalia prevista per domani a Palermo

Cinque treni collegheranno Siracusa a Palermo, ma faranno tutti scalo a Catania

Contratto di servizio pronto per la firma. Che non resti un programma sulla carta ma diventi sistema per rimettere al centro dello sviluppo regionale il trasporto ferroviario. Siracusa esca dall’isolamento e venga rivalutata per il ruolo geografico che le compete“. Così, Paolo Sanzaro, segretario generale della Ust Cisl Ragusa Siracusa, e Alessandro Valenti, responsabile del presidio Fit Cisl Siracusa, intervengono alla vigilia della firma sul nuovo Contratto di servizio tra Regione Siciliana e Trenitalia prevista per domani a Palermo.

“Uno strumento atteso da tempo e che ha recepito molte nostre indicazioni – continuano i due segretari – Siamo da sempre sostenitori di un rilancio dei treni regionali e questo Contratto regola il sistema ferroviario dell’isola. È indubbio che per Siracusa si tratta di una ulteriore opportunità per uscire dall’isolamento cui è stata relegata in questi ultimi anni. La nostra stazione deve tornare ad essere quella stazione di testa riferimento naturale per i trasporti di tutto il sud est. Far partire e arrivare i treni per allargare l’offerta a disposizione dei viaggiatori, turisti, studenti, pendolari. Tra i punti necessari, che noi continuiamo a sostenere nella politica di rilancio, l’apertura domenicale della tratta Siracusa-Modica, strategica per il Val di Noto e l’area Unesco, ed il collegamento con l’aeroporto di Fontanarossa”.

Nel Contratto di Servizio, così come proposti dal sindacato insieme agli atenei e alle associazioni, la riapertura domenicale della linea Siracusa-Ragusa-Gela-Caltanissetta, il collegamento con cinque coppie di treni nelle fasce pendolari tra Siracusa e Ragusa, modifiche al nuovo orario per evitare disagi ai pendolari abbonati sulla tratta Modica-Siracusa, ripristino delle stazioni semplificate per velocizzare la tratta. “Fondamentale è il prolungamento fino al sabato dei cosiddetti treni “Lavorativi” – hanno concluso Sanzaro e Valenti – Studenti, operatori scolastici, turisti ed impiegati potranno solo trarne beneficio. Si pone rimedio, così, ad una evidente ed incomprensibile mancanza. Abbiamo sempre sostenuto che il treno può rappresentare il mezzo migliore per legare il sud est e, soprattutto, offrire occasioni migliori per i visitatori”.

Il nuovo Contratto di Servizio, di interesse regionale e locale, assume un impegno decennale per un valore di 1,2 miliardi euro.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo