Floridia, il M5S attacca il sindaco Limoli: “non ha una maggioranza. Si dimetta”

I pentastellati tornano a chiedere le dimissioni del primo cittadino dopo l'ultima seduta di consiglio comunale in cui i revisori dei conti avrebbero consigliato degli aggiustamenti al bilancio per evitare il dissesto

Floridia, Nuova piattaforma web per il Comune: sarà presentata venerdì

Il Movimento 5 Stelle di Floridia attacca duramente il sindaco Limoli e ne chiede, ancora una volta, le dimissioni. La goccia che ha fatto traboccare il vaso, per gli esponenti pentastellati, sarebbe caduta durante l’ultimo Consiglio comunale, quando l’assise, su suggerimento dei revisori dei conti, si è provato a tamponare la situazione tutt’altro che florida delle casse comunali con un taglio sulle spese previste per la manutenzione degli edifici scolastici e per la festa del Carnevale e dell’Ascensione.

Sulla situazione delle strutture scolastiche  siamo stati rassicurati dal dirigente di settore – affermano i 5Stelle -. Pensiamo che il Sindaco dovrebbe ascoltare di più I dirigenti comunali. Se un dirigente da tecnico afferma che la situazione delle scuole non è preoccupante il Sindaco perché dice il contrario. Il vice Sindaco perchè è andato via dal consiglio comunale – si domandano -. In un consiglio comunale cosi importante dove eravate Sindaco e Vice Sindaco – ancora -. Basta sono mesi che chiediamo che si dimetta. Non continui, non si ostini, di questo passo porterá Floridia nel baratro”.
I pentastellati, infine, ricordano i continui rimpasti in Giunta e il fatto che l’attuale amministrazione, così come avvenuto con la precedente, non abbia una vera maggioranza in Consiglio comunale. “Era stato eletto con 10 consiglieri e poteva governare tranquillamente, ma già al primo consiglio comunale, I consiglieri si perdevano all’interno della maggioranza. Una vera e propria caccia alla poltrona che ad oggi ha lasciato solo 3 consiglieri dalla sua parte.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo