Floridia, Uno discount chiude i battenti: lavoratori in cassa integrazione

La Filcams Cgil, insieme con il Comune e la parrocchia di San Giovanni Bosco si sono subito mobilitate chiedendo un incontro in Prefettura

uno-discount-floridia

Sembra essere giunta alla parola fine la vertenza dei dipendenti di Uno discount a Floridia. L’azienda Roberto Abate spa infatti, ha comunicato verbalmente la chiusura del punto vendita di Floridia a partire dal 12 di giugno e la disposizione di tutti i dipendenti in cassa integrazione. Immediata la risposta della Filcams Cgil e del Comune di Floridia che chiedono assieme alla Parrocchia di San Giovanni Bosco un incontro urgente in Prefettura, a Siracusa.

È inaccettabile – afferma Alessandro Vasquez, segretario generale Filcams Siracusa -, abbiamo più volte richiesto un incontro alle parti per delucidare la fine verso cui andavano incontro i lavoratori e le lavoratrici di Uno discount di Floridia. Mai un contatto da parte del gruppo Radenza che ha acquistato l’immobile tramite asta giudiziaria”.

I sei lavoratori, quindi, dalla metà del mese saranno in cassa integrazioni e molto probabilmente dovranno reinventarsi una posizione lavorativa. Il tutto nonostante il sindacato avesse chiesto un tavolo di raffreddamento all’Ispettorato del lavoro. “Non avendo ad oggi ricevuto risposta e avendo appreso la notizia della chiusura giorno 12 – prosegue il sindacalista -, ci siamo subito mossi di concerto col Comune di Floridia ed il Sindaco Limoli per chiedere un incontro urgente presso la Prefettura, richiesta alla quale si è voluta associare la chiesa di riferimento per gli abitanti della zona Marchesa di Floridia, la Parrocchia San Giovanni Bosco con Don Giuseppe Gurciullo.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo