Gli attentati in Sri Lanka, domenica messa al Santuario di Siracusa

L’arcivescovo mons. Pappalardo ha invitato tutti a partecipare a un momento di comunione per le tante persone vittime di una violenza alla quale bisogna rispondere con la pace

Siracusa, Presepe vivente nella Basilica del Santuario della Madonna delle Lacrime con gli alunni del "Santa Lucia"

Una celebrazione eucaristica per non restare indifferenti e pregare insieme alla comunità cingalese siracusana sarà presieduta domenica, 28 aprile, alle 17, nella cripta della Basilica Santuario della Madonna delle Lacrime, dall’arcivescovo mons. Salvatore Pappalardo. Un invito alla pace dopo gli attacchi di Pasqua in Sri Lanka. In cripta sarà presente la comunità cingalese, della quale fanno parte tanti ragazzi nati e cresciuti a Siracusa e residenti alla Borgata Santa Lucia, ma anche in Ortigia. Decine di famiglie che non si sanno dare una spiegazione di quanto accaduto.

L’arcivescovo mons. Pappalardo ha invitato tutti a partecipare a un momento di comunione per le tante persone vittime di una violenza alla quale bisogna rispondere con la pace. Le chiese cattoliche dello Sri Lanka hanno sospeso tutti i servizi pubblici a causa dei timori sulla sicurezza, mentre anche l’esercito partecipa alla caccia ai sospettati di coinvolgimento nelle stragi di Pasqua. Ma la tensione resta altissima e il ripetersi di allarmi ed esplosioni nei giorni successivi a quello degli attacchi accresce la consapevolezza che nel Paese ci siano in circolazione ancora diversi complici degli attentatori.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo