Imprenditore di Siracusa picchiato dalla Polizia a Malta. Avvisata l’Ambasciata italiana

malta

Alcuni giorni fa i camion che usa per lavoro sono andati in fiamme e quando raggiunge il luogo dell'incendio trova sul posto 8 poliziotti

Aggredito dalla Polizia a Malta senza alcun apparente motivo. E’ quanto accaduto a Fabrizio Scirè, imprenditore che da 3 anni vive e lavora nell’isola, dove ha una società di costruzioni. Alcuni giorni fa i camion che usa per lavoro sono andati in fiamme e quando raggiunge il luogo dell’incendio trova sul posto 8 poliziotti a cui “piangendo chiedo di darmi una mano a spostare gli altri camion non ancora raggiunti dalle fiamme – racconta Scirè – ma, senza alcun motivo, gli agenti si sono avventati su di me e mio figlio massacrandoci di pugni e chiamandomi italiano di merda“.

Dopo essere stato meficato insieme con il figlio, Scirè ha denunciato l’accaduto e dato mandato ai propri legali maltesi, oltre che all’avvocato Giuseppe Gurrieri, suo legale di fiducia in Italia. “Dell’accaduto sono stati informati l’Ambasciata italiana, il governo maltese, le alte cariche di Polizia e il ministero dell’Interno” spiega ancora Scirè.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo