Lavori sulla tratta ferroviaria Siracusa – Catania: “nessuna chiusura della stazione” afferma la Amoddio

Il deputato nazionale, dopo un confronto con il direttore investimenti per il Sud di Rfi ha ricevuto rassicurazioni in merito, affermando che la decisione dei lavori era già stata annunciata in un Consiglio comunale tenuto a Siracusa nel maggio dello scorso anno

Taglio del treno a lunga percorrenza Siracusa-Roma

Nessuna chiusura della stazione di Siracusa. La rassicurazione arriva dal deputato nazionale del Pd, Sofia Amoddio. Le parole del deputato nazionale fanno il paio con quelle dell’assessore regionale alla Formazione Professionale Bruno Marziano, che a seguito di un incontro con Trenitalia, aveva ricevuto rassicurazioni sul fatto che la stazione ferroviaria aretusea non fosse destinata ad alcuna chiusura. La tratta ferroviaria Siracusa – Catania sarà chiusa dal 18 Giugno al 10 Settembre 2017, per interventi di manutenzione straordinaria alla linea ferrata Bicocca-Siracusa, ma questo non comporterà alcuna chiusura della stazione.

Le preoccupazioni sulla paventata dismissione della stazione di Siracusa e le polemiche sui lavori di ammodernamento della rete ferroviaria Sr-Ct meritano alcuni chiarimenti – afferma Sofia Amoddio -. Allertata dalla comprensibile richiesta di spiegazione da parte del sindacato, ho avuto modo di confrontarmi con l’Ing. Pagone, direttore investimenti per il sud Italia Rfi, che mi ha riconfermato che i lavori della tratta Siracusa-Catania erano già stati programmati da tempo e comunicati ai sindaci dei territori coinvolti, ai sindacati e alla Regione”.

I Lavori rientrano nel piano regionale di ristrutturazione della rete ferroviaria. “Come qualcuno ricorderà – prosegue il deputato nazionale -, in una seduta aperta del Consiglio comunale di Siracusa datata 20 maggio 2016, i vertici delle ferrovie avevano esplicitato pubblicamente il programma dei lavori di ammodernamento e la chiusura della tratta ferroviaria nei periodi estivi per gli anni 2016 e 2017”.

La Amoddio spiega che la scelta di effettuare i lavori nei mesi estivi è dovuta al calo del traffico di passeggeri e alla conseguente possibilità di predisporre un servizio navetta dalla stazione di Siracusa a quella di Catania.

Inoltre – ancora Amoddio – risulta che siano stati messi a bilancio 10 milioni di euro in 10 anni e che sia stato pubblicato il bando di gara per il raddoppio della linea Bicocca – Catenanuova.”

In conclusione il deputato regionale riserva una stilettata al collega in Parlamento Pippo Zappulla, che nei giorni scorsi aveva mostrato tutta la propria perplessità e un timore concreto sulla possibilità che la stazione di Siracusa potesse chiudere. “La stazione di Siracusa – conclude la Amoddio – non rischia quindi alcuna chiusura, come paventato da una certa politica che vuole solo seminare panico e cavalcare notizie già smentite. Certamente, il trasporto ferroviario della nostra provincia, deve restare sotto la lente di ingrandimento perché necessita di potenziamenti strutturali e di servizi adeguati.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi