Lite tra vicini ad Avola: un arresto per tentato omicidio

cappitta-carabinieri

Vani sono stati i tentativi di disarmare l’uomo da parte di un operaio della vittima che è intervenuto per fermare l’aggressore che, al fine di non cedere l’arma, richiudeva all’interno della sua stessa mano il coltello per poi riaprirlo e tornare a colpire

Stamani una banale lite tra vicini ad Avola nel quartiere “Stazione” ha rischiato di trasformarsi in tragedia.

Prima le urla, poi le percosse ed infine un coltello che arma la mano di Rosario Cappitta 57enne di Avola che colpisce più volte S.A. 54enne vicino di casa. La lite si è consumata all’interno e nelle immediate vicinanza del garage della vittima. Cappitta, armato di un coltello di 15 cm di cui 7 di sola lama, ha colpito più volte S.A. in varie parti del corpo mirando all’addome, alla testa e agli arti inferiori anche mentre la vittima era riversa al suolo.

Vani sono stati i tentativi di disarmare l’uomo da parte di un operaio della vittima che è intervenuto per fermare l’aggressore che, al fine di non cedere l’arma, richiudeva all’interno della sua stessa mano il coltello per poi riaprirlo e tornare a colpire S.A..

Durante l’aggressione, riconducibile a banali liti di vicinato, anche l’arrestato riportava lesioni giudicate guaribili in 20 giorni come da referto medico rilasciato dallo stesso nosocomio ove tuttora si trova ricoverata la vittima in attesa che i medici sciolgano la prognosi.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Noto, intervenuti immediatamente sul posto, hanno successivamente condotto Cappitta negli uffici del Comando dove lo hanno dichiarato in arresto. L’arrestato, come disposto dall’Autorità Giudiziaria, attenderà l’udienza di convalida in regime di arresti domiciliari da un familiare di Siracusa. Nel corso della perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti e ritirati cautelativamente 2 fucili che Cappitta deteneva legalmente in casa.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo