L’Ordine degli architetti di Siracusa protagonista al congresso nazionale di Roma sul ruolo dell’architetto e qualità della progettazione

Mai come oggi è necessario fissare alcuni concetti che riguardano la figura professionale dell'Architetto e la qualità della progettazione, sia come strumento di qualità della vita privata e sociale del Paese, sia come oggetto di pubblico interesse, in perfetta sintonia con ciò che già avviene negli altri Paesi Europei

congresso-architetti

L’Ordine degli Architetti della Provincia di Siracusa ha partecipato attivamente al VIII Congresso Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori che si è tenuto a Roma nei giorni scorsi. All’ordine del giorno, la presentazione di un disegno di legge sull’Architettura, mirato a diffondere la conoscenza e consapevolezza del suo interesse pubblico; la ratifica della dichiarazione di Davos, adottata a gennaio scorso dai ministri della Cultura dell’Ue, che mette in risalto la costruzione di qualità e che esige un grande impegno nel settore dell’educazione e della sensibilizzazione all’Architettura.

“Cultura, qualità, trasparenza e legalità, sono state le parole chiave del Congresso di Roma, in nome delle quali gli Architetti Pppc hanno chiesto con forza al nuovo Governo l’elaborazione di un Piano di Azione Nazionale per le Città Sostenibili, accompagnato da un programma decennale di finanziamento strutturale per l’attuazione di progetti finalizzati a migliorare la qualità dell’ambiente costruito”. 

Lo dichiara Lilia Cannarella, vicepresidente del Consiglio Nazionale Architetti PPC. “Le Città sono le protagoniste del cambiamento e hanno bisogno della creatività e della partecipazione di tutti; il sistema ordinistico italiano, attraverso la rete dei 105 Ordini territoriali, è direttamente chiamato a supportare le Amministrazioni locali in termini di idee e approcci emergenti, per definire una nuova visione urbana fondata sulla creazione di luoghi belli, sicuri e sostenibili”.

Mai come oggi è necessario fissare alcuni concetti che riguardano la figura professionale dell’Architetto e la qualità della progettazione, sia come strumento di qualità della vita privata e sociale del Paese, sia come oggetto di pubblico interesse, in perfetta sintonia con ciò che già avviene negli altri Paesi Europei.

Per Francesco Giunta, presidente dell’Ordine degli Architetti Ppc di Siracusa:“Il congresso ha sancito un legame di intenti ed obiettivi da parte di una comunità di professionisti, i quali, da Bolzano a Siracusa, in maniera univoca lavorano per restituire al progetto e al progettista il posto che meritano, poiché non esiste qualità della vita che possa prescindere dalla qualità del progetto e dalla limpidezza dei percorsi che portano a compimento gli obiettivi e le idee. In questo contesto il ruolo degli ordini territoriali risulta di fondamentale importanza per avviare un percorso comune insieme a tutti gli Enti locali preposti alle trasformazioni delle città e dei territori. Purtroppo persiste un sentimento diffuso che vede la nostra categoria mossa esclusivamente da capricci di gusto soggettivi e che spesso trovano sintesi all’interno dei social network tramite rapidi e superficiali giudizi estetici”.

Il Consiglio e gli architetti siracusani partecipano attivamente al dibattito nazionale ed europeo sulle Città del Futuro Prossimoai gruppi di lavoro del Consiglio Nazionale e sono pronti a fornire supporto e collaborazione alle Amministrazioni tramite i molteplici tavoli di lavoro o come supporto ai Rup tramite i bandi tipo e la Piattaforma Concorsi; semplificazione; Agenda Urbana e Fondi Strutturali.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo