L’Ugl Siracusa esulta, in arrivo nuove guardie penitenziarie a Cavadonna

Il dipartimento dell'amministrazione penitenziaria evidenzia alcune carenze nella pianta organica di Cavadonna, specificando che l'invio del nuovo personale avverrà al termine del 173° corso per l'immissione in ruolo dei 1300 neo agenti

Siracusa: Una delegazione dell'Osservatorio Nazionale Carcere, si è recata presso Cavadonna per l'iniziativa "Visita in carcere"

La nostra battaglia accanto alle donne e agli uomini della polizia penitenziaria del carcere di Siracusa ha finalmente dato i suoi frutti“. Lo riferisce Sebastiano Bongiovanni Dirigente Nazionale Federale dell’Ugl Polizia Penitenziaria che ha ricevuto un documento ufficiale da parte del Dap che da ragione all’Ugl.

Un documento in cui il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria evidenzia alcune carenze nella pianta organica di Cavadonna, specificando che l’invio del nuovo personale avverrà al termine del 173° corso per l’immissione in ruolo dei 1300 neo agenti. Una soluzione che potrebbe dare una boccata d’ossigeno alle Guardie penitenziarie già presenti nella casa circondariale che da tempo lamentano carenza di organico e turni estenuanti e che negli ultimi mesi hanno dato vita a forme di protesta, anche importanti, come l’autoconsegna.

Adesso qualcuno cercherà di prendersi qualche merito – afferma Bongiovanni- ma per noi è importante il risultato ottenuto. La Ugl Polizia Penitenziaria, grazie all’impegno del suo leader Alessandro De Pasquale, ha attivato tutti i canali possibili per trovare una soluzione. La Ugl è stato l’unico sindacato che è sempre stato vicino ai colleghi di Siracusa. Adesso – conclude Bongiovanni – vedremo gli sviluppi della vicenda e se il Dap ha davvero intenzione di inviare il personale”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo