“Mostro di Cassibile”, La Corte d’Assise e d’Appello di Catania ha confermato l’ergastolo per Giuseppe Raeli

"Mostro di Cassibile", La Corte d'Assise e d'Appello di Catania ha confermato l'ergastolo per Giuseppe Raeli

Confermata in appello la condanna all’ergastolo per Giuseppe Raeli, pensionato di 75 anni, ribattezzato il “mostro di Cassibile”, che non era presente in aula al momento della lettura del dispositivo.

La Corte d’Assise di Appello, ha confermato la condanna in primo grado all’ergastolo riducendo però da 24 mesi a 18 l’isolamento diurno. 

Assolto, invece, per l’omicidio di Rosario Rizza Timpanello del gennaio 1999, e del tentato omicidio di Antonio Bruni del 21 novembre 1998, mentre il tentato omicidio di Aurora Franzone del febbraio 2004 è stato derubricato, passando a minaccia aggravata a mano armata e andato in prescrizione.

Giuseppe Raeli è stato riconosciuto colpevole, invece, degli omicidi di Giuseppe Calvo, del 9 ottobre 2002, dei coniugi Sebastiano Tinè e Giuseppa Spadaro, avvenuti il 31 luglio 2003, di Giuseppe Spada, del 18 agosto 2004, e del tentato omicidio di Giuseppe Leone, il 15 marzo 2009 e Katia Tinè, il 31 luglio 2003.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi