Operazione Muddica: rimesso in libertà il sindaco di Melilli Giuseppe Carta

Revocata la misura degli arresti domiciliari nei confronti del primo cittadino, in manette dallo scorso febbraio, disponendo l'immediata scarcerazione

giuseppecarta

Rimesso in libertà, su istanza della difesa, il sindaco di Melilli Giuseppe Carta che a questo punto può tornare a fare il sindaco (dopo il via libera della Prefettura). Il Tribunale di Siracusa ha infatti revocato la misura degli arresti domiciliari nei confronti del primo cittadino, in manette dallo scorso febbraio nell’ambito dell’operazione Muddica, disponendo l’immediata scarcerazione.

Il sindaco, difeso dagli avvocati Francesco Favi ed Emanuele Scorpo, è accusato con altri a vario titolo tra dipendenti pubblici e imprenditori, di diverse condotte delittuose commesse, ognuno nell’esercizio delle rispettive funzioni, nell’ambito di procedure di affidamento di lavori e servizi da parte di alcuni uffici del Comune di Melilli.

Per i giudici, però, il pericolo di reiterazione del modus operandi da parte di Carta nella gestione degli affari pubblici appare “insussistente” e “non più fondato su elementi concreti e oggettivi”. Il collegio ha tenuto conto del tempo trascorso dall’applicazione della misura nei confronti del sindaco e degli altri imputati (già scarcerati), dell’epoca in cui sarebbero stati consumati e del clamore mediatico suscitato da una vicenda che ha già visto affievolirsi il quadro iniziale.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo