Pachino, la triste fine del cane Bruno: ucciso e impiccato a un albero

Per cercare di ricostruire l'accaduto gli agenti di Polizia potrebbero servirsi dei diversi impianti di videosorveglianaza presenti nella zona

cane-bruno-pachino Foto: SiracusaTimes.it

È morto per strangolamento il cagnolino Bruno, trovato appeso a un albero in un terreno di via dello Stadio. Il cane è stato appeso con una corda tramite uno strano arnese che faceva leva sull’arbusto e che, molto probabilmente, ne ha causato la morte.

Il corpo senza vita dell’animale è stato rinvenuto ieri sera, sul posto il veterinario dell’Asp, che ha confermato le cause della morte, e la Polizia di Stato che sta indagando sull’accaduto. Gli agenti stanno cercando di capire se si sia trattata di una bravata o se il cane sia stato ucciso intenzionalmente perchè dava fastidio a qualcuno nel vicinato.

Per cercare di ricostruire l’accaduto gli agenti di Polizia potrebbero servirsi dei diversi impianti di videosorveglianaza presenti nella zona.

Un gesto brutale, abbiamo segnalato quanto accaduto alle forze dell’ordine e ci auguriamo possa essere ricostruita la vicenda in tutti i suoi aspetti“. A dichiaralo sono il sindaco, Roberto Bruno, e l’assessore al Welfare, Santina Baglivo, che sono intervenuti sulla morte del cucciolo “Bruno”, il randagio trovato privo di vita ieri sera nella zona di via Dello Stadio. “Già da ieri stesso – ha raccontato l’assessore Baglivo – è stata attivata la macchina comunale: il cagnolino non era microchippato, dunque, non censito. La carcassa è stata recuperata e il grave episodio è stato segnalato alle forze dell’ordine e all’Azienda sanitaria“.

Presto – ha detto il sindaco – avremo riscontri e appureremo se si tratta di un macabro gesto di bullismo da condannare. Chi uccide un animale, al pari di chi uccide un essere umano, è un criminale e un assassino. Questa amministrazione ha dimostrato coi fatti la precisa volontà di tutelare gli animali, realizzando un canile in cui ospitare i nostri amici a quattro zampe che sarà tra non molto inaugurato“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo