Priolo Gargallo, a pochi giorni di distanza, i lavoratori della Turco Costruzioni sono tornati a scioperare

Davanti alle portinerie dell'Eni-Versalis stamani c'è stata nuova mobilitazione poiché ci si attendevano risposte concrete dal summit di Confindustria avvenuto venerdì pomeriggio, ma di fatto i lavoratori rimangono ancora in attesa di due mensilità arretrate

turco-costruzioni-lavoratori-in-sciopero

A pochi giorni di distanza, i lavoratori della Turco Costruzioni sono tornati a scioperare. E davanti alle portinerie dell’Eni-Versalis stamani c’è stata nuova mobilitazione poiché ci si attendevano risposte concrete dal summit di Confindustria avvenuto venerdì pomeriggio, ma di fatto i lavoratori rimangono ancora in attesa di due mensilità arretrate.

Il tutto fa seguito alla precedente mobilitazione, avvenuta sette giorni fa, alla luce delle ultime non confortanti notizie arrivate dall’azienda titolare dell’appalto di manutenzione generale edile all’interno del sito industriale di Eni-Versalis a Priolo. Pochi mesi fa il primo grido d’allarme per il costante ritardo sullo stipendio rispetto ai tempi previsti dal contratto, il mancato rispetto degli accordi sul pagamento di 1/6 della gratifica natalizia erogata dalla Cassa Edile ed erogazioni di festivi e differenze sulla Cig per un totale medio di 2.000 euro per i 55 operai, risolto con le spettanze erogate a fine gennaio.

Ma distanza di poco più di due mesi la protesta si è riproposta con due ore di manifestazione davanti alla portineria del Polo industriale poiché gli stipendi degli ultimi due mesi non sono ancora stati erogati dall’azienda, nonostante la richiesta di incontro da oltre venti giorni, per la quale gli stessi lavoratori e le organizzazioni sindacali non hanno ancora avuto risposta. Gli stessi, inoltre, rivendicano anche il mancato pagamento della quota cassa edile per la tredicesima.

Nulla di fatto da Confindustria e siamo punto e a capo. Siamo consapevoli di essere di fronte a una vertenza probabilmente non eclatante, in relazione alla dilagante disoccupazione, specialmente nel settore edile – avevano osservato poco tempo fa i segretari generale di Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil, Saveria Corallo, Paolo Gallo e Salvo Carnevale – ma a volte è necessario far valere princìpi che una volta erano considerati sacri: certezza del salario su cui si costruiscono le economie familiari e rispetto del contratto in tutte le sue articolazioni. A questo bisogna aggiungere un interrogativo di primaria importanza: ma se non vi è certezza di salario nemmeno per chi lavora per conto dalla prima azienda dello Stato (Eni), da chi dobbiamo aspettarci la normalità? Probabilmente il sistema degli appalti in questa zona industriale, già largamente contestato un miliardo di volte dalle organizzazioni sindacali, forse troppo timidamente, deve essere rivisto integralmente”.

“Anche i nostri figli hanno diritto di mangiare”, si legge in uno dei cartelli affissi davanti all’ingresso delle portinerie, simbolo di un malcontento oramai diffuso e che sembra non trovare ancora una soluzione definitiva.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi