Rada di Augusta. Falla all’oleodotto del pontile Nato: idrocarburi in mare da sabato scorso

Sabato scorso si sarebbe verificato il guasto, la Marina già al lavoro per ripararlo

pontile-nato-768x417

Uno sversamento in mare di idrocarburi, causato dal guasto all’oleodotto del pontile della Marina militare della Nato, che si trova dentro la rada di Augusta, andrebbe avanti da giorni. Già sabato, ma forse anche qualche giorno prima, sulla tubazione che contiene idrocarburi e che rifornisce la Marina militare si sarebbe creata qualche falla dalla quale pare essere fuoriuscito prodotto petrolifero  poi finito in mare.

Non è chiaro in che quantità e se siano intervenuti i mezzi antinquinamento per arginare un eventuale sversamento, ma la Marina militare sarebbe già intervenuta per cercare di risolvere il problema alla condotta. Uno sversamento che comunque dovrebbe essere stato di livello contenuto, visto che in questi giorni nessuna nave ha effettuato operazioni al pontile militare.

La Marina Militare, con una nota ufficiale fa sapere che la superficie interessata è stata prontamente circoscritta e, successivamente, le sostanze oleose rimosse attraverso panne assorbenti e con l’ausilio di mezzi navali e terrestri della locale Capitaneria di Porto e della ditta Snad.

Al momento sono in corso le analisi dei campioni della sostanza oleosa per individuarne la natura e la fonte in quanto, da una prima analisi, si escluderebbe la presenza di falle nella condotta per la quale comunque è stata disposta una verifica dello stato di integrità.

La condotta, precauzionalmente, è stata chiusa alle operazioni di rifornimento combustibili ed è stata ridotta la pressione interna. Continua il monitoraggio dello specchio acqueo interessato al fine di verificare eventuali ulteriori fuoriuscite.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo