Rinnovo delle concessioni per i loculi. Cantiere Siracusa: “spalmare pagamento in 12 rate e capitolo ad hoc per il cimitero”

Cantiere Siracusa esprime il proprio disappunto sulla modalità stringente di incasso, previsto in tre rate, sulla mancata programmazione della costruzione degli ossarietti e contesta anche la modalità di comunicazione alla cittadinanza

Siracusa, Aggredito davati al cimitero per aver chiesto lo scontrino a un ambulante

Spalmare il pagamento delle somme per il rinnovo della concessione dei loculi in 12 mesi (e non in tre rate) e destinare l’intero introito alla manutenzione del cimitero. Questa la mozione presentata dal gruppo consiliare Cantiere Siracusa all’amministrazione comunale.

Con la delibera di Giunta dello scorso aprile si definiva l’avvio del procedimento per il rinnovo dei loculi cimiteriali e si fissavano i criteri per il pagamento degli oneri di concessione degli stessi, considerato che molte concessioni sono scadute ben oltre il termine previsto dal regolamento datato 1996 e successivamente modificato. L’amministrazione comunale ha tenuto in considerazione i rilievi della Corte dei Conti sulla necessità di un controllo più costante delle risorse in entrata, ma Cantiere Siracusa esprime il proprio disappunto sulla modalità stringente di incasso, previsto in tre rate, sulla mancata programmazione della costruzione degli ossarietti e contesta anche la modalità di comunicazione alla cittadinanza.

Entro il 20 luglio, chi volesse farlo, dovrà infatti rinnovare le concessione dei loculi cimiteriali scadute: 600 euro (450 euro per chi pagherà in un’unica soluzione). La comunicazione di avvio del procedimento è stata affissa sul cancello del cimitero e si prevede – come da delibera di Giunta del 23 aprile scorso – il rinnovo delle concessioni dei loculi alla scadenza dei 25 anni dietro pagamento del canone come previsto negli articoli del regolamento di Polizia Mortuaria del 1996. Le verifiche degli uffici hanno infatti accertato la scadenza di 11.458 concessioni cimiteriali di loculi rilasciate dal 1973 al 1993, mentre sono in corso ulteriori verifiche per i loculi della zona Monumentale del cimitero per altri 4.676 loculi per il periodo che va dal 1959 al 1975.

Tale manovra – si legge nella mozione – prevede un prelievo di 1,5 milioni l’anno per un valore complessivo di circa 6 milioni, somme queste che si aggiungono alla già forte pressione fiscale che grava sui cittadini siracusani, proponiamo una rateizzazione di 12 mesi e la creazione di uno specifico capitolo in entrata e uscita, al fine di indirizzare l’intero incasso delle concessioni per lavori di manutenzione del cimitero e per la creazione di nuovi ossarietti”.

E intanto anche Fratelli d’Italia chiede l’immediata proroga dei termini di presentazione dell’istanza di rinnovo della concessione dei loculi cimiteriali oltre il 2 novembre e la diffusione di adeguate informazioni al fine di consentire che tutta la cittadinanza abbia ampia ed effettiva conoscenza della delibera e sia in grado di valutare l’opportunità di fare istanza di rinnovo o meno. L’attuale data di scadenza del 20 luglio 2019, infatti, non consente ai parenti dei defunti che risiedono in altre città d’Italia o addirittura all’estero di averne conoscenza in tempi utili.

“Vogliamo rassicurazioni – dicono Paolo Cavallaro e Marzia Gibilisco – che l’incasso delle somme per il rinnovo delle concessioni sia tutto vincolato ai non più procrastinabili interventi di manutenzione, non solo una parte come già ipotizzato. E, a scanso di equivoci, si tutelino i sepolcri dei caduti in guerra, uomini che hanno servito la Patria e che andranno sempre onorati in saecula saeculorum”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo