Rinviato a giudizio il dirigente della Ragioneria del comune di Siracusa

Udienza è stata fissata per il 21 aprile 2020 davanti al giudice monocratico

Siracusa, Sindacati e sindaco ai ferri corti: aspro botta e risposta sui dipendenti di palazzo Vermexio

Rinviato a giudizio Giorgio Giannì, ragioniere capo del Comune di Siracusa. L’accusa nei confronti del dirigente di Palazzo Vermexio è quella di falso ideologico perché, secondo la Procura, avrebbe messo in bilancio crediti inesigibili. Secondo quanto ricostruito dai Pm incaricati, Marco Di Mauro e Davide Lucignani, sotto la lente di ingrandimento sono finiti i bilanci comunali tra il 2011 e il 2017.

Accuse che lo stesso Giannì, difeso dall’avvocato Giovanni Giuca ha rigettato in fase di udienza preliminare, spiegando di aver ottemperato alle indicazioni della Corte dei Conti e dal 2012 ha disposto la cancellazione di un maggior numero di residui attivi perché consequenziali a nuove disposizioni. Udienza è stata fissata per il 21 aprile 2020 davanti al giudice monocratico


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo