Siracusa, i “Brainy Titans” del Liceo Corbino a Berlino contro l’odio online

Gli studenti, che hanno partecipato alla selezione europea con la loro squadra denominata “Brainy Titans”, hanno candidato un progetto come possibile soluzione al problema dell’incitamento all’odio online (hate speech), la loro proposta, che comprende l’applicazione delle intelligenze artificiali insieme a un approccio sociale di educazione alle emozioni

hate-speech633-633x350

Gli alunni del Liceo scientifico e delle scienze umane “O.M. Corbino di Siracusa Pier Francesco Bandiera, Giulia Cappellani, Simone Cappellani, Chiara Miceli accompagnati dalla docente Sara Brunno si recheranno a Berlino al Facebook Digital Learning Center per partecipare all’evento “Hackathon Hacking Hate” del progetto Selma, che si terrà il 5 e il 6 dicembre, gestito dall’European Schoolnet di Bruxelles e finanziato dal programma Diritti dell’Unione europea, uguaglianza e cittadinanza (2014-2020).

Gli studenti, che hanno partecipato alla selezione europea con la loro squadra denominata “Brainy Titans”, hanno candidato un progetto come possibile soluzione al problema dell’incitamento all’odio online (hate speech), la loro proposta, che comprende l’applicazione delle intelligenze artificiali insieme a un approccio sociale di educazione alle emozioni, è stata selezionata per la competizione finale “Hackathon Hacking Hate” che si terrà al Facebook Digital Learning Centre di Berlino e sfideranno, come unica squadra italiana, le altre 5 squadre provenienti da Danimarca, Germania, Grecia e UK. Il processo di selezione non è stato facile, a causa dell’alta qualità delle proposte presentate che sono state selezionate in base alla creatività, innovatività, fattibilità e livello di maturità.

L’European Schoolnet attraverso la coordinatrice del progetto, Sabrina Vorbau, invia un grande ringraziamento a tutti i gruppi di giovani che hanno avuto il tempo di elaborare e presentare strumenti e soluzioni tecnologiche innovative. “C’è un enorme potenziale per “hackerare” l’odio online tra le dozzine di applicazioni che sono state ricevute! Speriamo che le squadre finaliste siano in grado di svilupparle e implementarle ulteriormente.”

In occasione dell’evento nella sede del Digital Learning di Facebook gli studenti riceveranno input e feedback da esperti e professionisti del settore e presenteranno il loro progetto finale di fronte a una giuria internazionale, composta da rappresentanti dei Ministeri dell’Istruzione, organizzazioni educative e aziende produttrici e avranno la possibilità di vincere il premio Selma “Hacking Hate”.

Durante l’hackathon, le sei squadre svilupperanno nuove competenze e avranno il tempo di scambiare opinioni e idee nuove con giovani di altri paesi europei, sviluppando ulteriormente i loro piani e lavoreranno su strumenti digitali innovativi e su soluzioni creative per incidere significativamente contro l’incitamento all’odio online.

Selma (Social ed Emotional Learning for Mutual Awareness) è un progetto pedagogico biennale che mira ad affrontare il problema dell’odio online e del cyberbullismo promuovendo la consapevolezza reciproca, la tolleranza e il rispetto. Basandosi su un approccio di apprendimento sociale ed emotivo (SEL), Selma consente ai giovani di diventare agenti di cambiamento, li aiuta a capire meglio il fenomeno dell’odio online e fornisce loro strumenti e strategie per agire e fare la differenza.

Il progetto si inserisce in una strategia pedagogica più ampia che vedrà impegnato il Liceo “Corbino”, sede del Cts per il contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo. come scuola pilota in ambito europeo nell’educazione all’informazione e all’uso critico e consapevole dei social media.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo