Siracusa, caso Scieri: il Comune di Pisa non si costituirà parte civile al processo. E ieri nuovo servizio a “Chi l’ha visto?”

Su Rai3 nuovamente ricostruita la vicenda, intervistata la madre Isabella Guarino, riascoltate le intercettazioni del caporale Alessandro Panella - che da qualche giorno non è più ai domiciliari - e sta anche cercando di ritrovare gli anfibi gettati dal commilitone pochi giorni prima dell'arresto

ricostruzione-scieri

Il Comune di Pisa non si costituirà parte civile in un eventuale processo Scieri. A deciderlo è stato il Consiglio comunale che nella seduta di martedì ha bocciato la mozione presentata dal consigliere di Diritti in Comune, Francesco Auletta, in cui veniva avanzata la richiesta. Il documento conteneva anche un appello ai vertici della Folgore affinché “siano finalmente dati tutti i chiarimenti dovuti per fare luce sull’omicidio, rompendo quella trama di silenzi, omissioni e mancanza di collaborazione nelle indagini svolte fino ad ora”. La mozione è stata respinta con i voti contrari di Lega e Forza Italia. Astenuto il gruppo di Fratelli d’Italia, favorevole soltanto la minoranza.

E intanto ieri nuovo servizio in onda a Chi l’ha Visto?, che ha nuovamente ricostruito la vicenda, intervistato la madre Isabella Guarino, fatto riascoltare le intercettazioni del caporale Alessandro Panella – che da qualche giorno non è più ai domiciliari – e sta anche cercando di ritrovare gli anfibi gettati dal commilitone pochi giorni prima dell’arresto.

La puntata a questo link, servizio a partire dal minuto 56


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo