Siracusa, “Chiudere il corso di laurea in infermieristica dell’università di Messina? Giusto”. Così Barrotta (Nursing up)

L’organizzazione sindacale, Nursing Up invita la direzione strategica dell’Asp di Siracusa ad avere più coraggio e ad intensificare gli sforzi per migliorare la attività sanitaria d’eccellenza in provincia.

Bene sta facendo l’azienda a chiudere il canale di Siracusa del corso di laurea in infermieristica dell’università di Messina perché la città e la azienda non ne hanno alcun riscontro sia assistenziale sia economico – afferma il responsabile provinciale Nursing Up, Corrado Barrotta – Gli studenti di infermieristica di Siracusa fanno una volta l’anno il giro turistico dell’ospedale per un mese senza alcun aiuto nell’attività assistenziale agli ammalati sotto tutotaggio degli infermieri, come invece avveniva nelle Usl con le scuole professionali, quando gli allievi infermieri assicuravano cinque ore di servizio durante le ore antimeridiane, quando più forte era il carico di lavoro infermieristico. La città non fornisce convitto, nè semiconvitto quindi non vi è un riscontro di affitto di alloggi per gli studenti, nè di vitto per gli stessi. Da aggiungere a tutto ciò vi è il costo della destinazione di locali che potrebbero avere scopo sanitario per le lezioni accademiche frontali. Brugaletta abbia più coraggio anche nella destinazione di altri locali ospedalieri attualmente per conventi e per attività di volontariato che esulano dalla mission di una azienda sanitaria. Più coraggio nel ridurre il numero di medici e amministrativi per non ridurci ad uno inutile stipendificio. Ci chiamano azienda sanitaria e tale dobbiamo essere“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo