Siracusa, il “dopo circoscrizioni” al centro dell’incontro tra Prossima e l’assessore Moschella

La delegazione di Prossima ha ribadito che le “Case di quartiere” rappresenterebbero la soluzione ideale per tenere “legata” la città e vicini gli stessi cittadini che, nelle circoscrizioni, hanno sempre visto un punto di riferimento provando a promuovere l’attivismo e la collaborazione dei cittadini

dente-moschella-staffile-romano

Il “dopo” circoscrizioni, l’esigenza di continuare ad erogare servizi ai residenti dei singoli quartieri, al centro dell’incontro tra Prossima e l’assessore al Decentramento, Fabio Moschella. Una settimana dopo la riunione con il sindaco Francesco Italia, il movimento civico siracusano ha voluto esporre l’idea-progetto al responsabile della rubrica.

La delegazione, ricevuta nella sede dell’assessorato di via De Caprio, ha ribadito che le “Case di quartiere” potrebbero da un lato garantire alcuni servizi comunali, dall’altro costituire un punto di riferimento per gli abitanti del luogo in cui costruire progetti di miglioramento in termini di infrastrutture e servizi.

Una soluzione che, come ribadito dall’assessore Moschella, viene calata in quella allo studio dell’amministrazione. Più municipalità sul territorio per garantire servizi e riferimento ai cittadini di tutti i quartieri.

La delegazione di Prossima ha ribadito che le “Case di quartiere” rappresenterebbero la soluzione ideale per tenere “legata” la città e vicini gli stessi cittadini che, nelle circoscrizioni, hanno sempre visto un punto di riferimento provando a promuovere l’attivismo e la collaborazione dei cittadini.

Ribadiamo – aggiunge il movimento coordinato da Valeria Troia – che le “Case di quartiere”, esperienze maturate in altre parti d’Italia, rappresentano i luoghi ideali dove maturare impegno e senso civico. Partecipazione attiva dei cittadini e confronto continuo per l’amministrazione. I nostri progetti e le nostre proposte restano a disposizione di questa città, certi che le scelte maturate nei prossimi mesi saranno sia razionali sia produttive per la nostra comunità”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo