Siracusa com’era: la porta di Ligny ricostruita graficamente da Marco Lazzarini

porta_ligny

La porta fu fatta edificare, come supplemento alle fortificazioni, con ogni probabilità nel 1673, da Claudio Lamoral Principe di Ligne (francese Ligny, Viceré del sovrano spagnolo Carlo II)

Una ricostruzione grafica della porta di Ligny. A realizzarla è stato Marco Lazzarini, siracusano che oggi vive a Bergamo. Ispirato da una vecchia fotografia di Eugène Sevaistre antecedente il 1858, Lazzarini ha ricostruito l’antica porta di Ortigia andata distrutta nel 1893. Una foto dall’alto contenuto storico perchè mostra la fase iniziale della costruzione del ponte che collegherà successivamente Ortigia alla terraferma.

Antica porta di Ortigia (Siracusa) from Marco_Lazzarini on Vimeo.

Come riportato dagli studi di Antonio Randazzo, il prospetto anteriore della porta di Ortigia, detta Ligne, fu fatta edificare, come supplemento alle fortificazioni, con ogni probabilità nel 1673, da Claudio Lamoral Principe di Ligne (francese Ligny, Viceré del sovrano spagnolo Carlo II), che incaricò per la progettazione e la di rezione dei lavori, comprendenti anche le poderose mura della cittadella di Ortigia, uno dei più validi ingegneri del tempo, Carlos De Grunemberg, olandese delle Fiandre, esperto in architettura militare, che aveva già progettato e costruito le fortificazioni del la città di Messina.

“La nostalgia verso Siracusa – afferma Lazzarini – e la passione per la computer grafica mi hanno portato a ricreare virtualmente alcuni monumenti della città. Desideravo mostrare a voi ed ai vostri lettori le immagini da me create, sperando di suscitare la stessa emozione che provavano gli antichi viaggiatori quando giungevano al suo cospetto”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo