Siracusa, concluso il corso di sensibilizzazione sulla lingua dei segni all’istituto “Sacro cuore”

Gli alunni hanno affrontato con impegno e dedizione questa attività extra-curriculare che ha coronato il progetto "Sentire la Costituzione", presentato al Senato Ragazzi lo scorso 30 aprile per il concorso "Testimoni dei diritti"

Si è concluso il 3 giugno il corso di sensibilizzazione sulla Lis, organizzato dalla Sezione Provinciale Ens di Siracusa e rivolto agli alunni della Secondaria di I grado dell’Istituto “Sacro Cuore” di Siracusa.

“Grazie per averci aiutato a migliorare l’integrazione della comunità sorda, diffondendo il valore della Lingua dei Segni Italiana e della cultura dei sordi”, le parole del presidente dell’Ens di Siracusa, Salvatore Risuglia, riportate sulla targa donata alla scuola sono state lette da Suor Ester, coordinatore didattico dell’Istituto “Sacro Cuore” di Siracusa durante l’ultima lezione nella quale gli alunni, hanno ricevuto con soddisfazione l’attestato di partecipazione.

Gli alunni hanno affrontato con impegno e dedizione questa attività extra-curriculare che ha coronato il progetto “Sentire la Costituzione”, presentato al Senato Ragazzi lo scorso 30 aprile per il concorso “Testimoni dei diritti”.

Quanti modi per comunicare e relazionarsi! Il martedì e il venerdì pomeriggio, chiunque passava per il corridoio della scuola, si imbatteva in un’aula in cui Michela Calcagno, una docente sorda, silenziosamente insegnava a comunicare in LIS. Sorprendente è stato vedere i ragazzi attenti, silenziosi e abili nel tenere un discorso, imbastire un dialogo, giocare al telefono senza fili in Lis, tutto con disinvoltura come se fosse la loro lingua.

“Grazie di tutto, sei stata bravissima e molto paziente“: queste invece le parole segnate in LIS dagli alunni per l’insegnante Michela. Lanciamo ancora un messaggio al Senato: speriamo che la Lingua dei Segni diventi una lingua ufficiale in Italia.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo