Siracusa, dal 18 maggio le sezioni Sicilia Orientale e Occidentale in pellegrinaggio a Lourdes

Saranno oltre 1000 i pellegrini, soci dell'Unitalsi, che viaggeranno in treno da Palermo e Siracusa ed in aereo da Palermo e da Catania

800treno-unitalsi

Partirà sabato prossimo il tradizionale pellegrinaggio a Lourdes – che si concluderà il 25 maggio – promosso dalle Sezioni Sicilia Orientale e Occidentale dell’Unitalsi (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali).

Saranno oltre 1000 i pellegrini, soci dell’Unitalsi, che viaggeranno in treno da Palermo e Siracusa ed in aereo da Palermo e da Catania. Tra loro in treno partiranno 550 persone e tra loro più di 160 disabili e ammalati, tanti giovani nella vettura ragazzi e nelle altre vetture oltre a diversi sacerdoti, mentre in aereo voleranno 450 persone e tra loro più di 90 disabili e ammalati. Il tema del pellegrinaggio riprenderà il Tema Pastorale per il 2019 proposto dal Santuario di Lourdes: “Non Vi prometto di rendervi felice in questo mondo, ma nell’altro”.

Al pellegrinaggio prenderanno parte monsignor Vincenzo Murgano, Assistente Sezione Sicilia Orientale, don Antonio Todaro, Assistente Sezione Sicilia Occidentale, monsignor Raimondo Abbandoni, vice-assistente Sezione Sicilia Occidentale, don Agnello Giuseppe, assistente Sottosezione di Patti, don Davide Chirco, assistente Sottosezione di Mazzara del Vallo, don Gioacchino Tuminello, assistente Sottosezione di Monreale, don Pino Gentile, assistente Sottosezione di Messina e don Salvatore Cucè, assistente Sottosezione di Catania.

Rilevante anche la presenza di coloro che ricoprono un ruolo di responsabilità all’interno dell’associazione, segno di un attaccamento al carisma dell’Unitalsi che vede nel pellegrinaggio di fede la sua ragion d’essere. In particolare, oltre a Loredana Picone, Presidente della Sezione Sicilia Occidentale e Nunzio Faranda, Presidente Sezione Sicilia Orientale, parteciperanno Elvira Zito, presidente sottosezione di Monreale, Francesca Di Rando, presidente sottosezione diTrapani, Giovanna Ciolino, presidente Sottosezione di Mazara del Vallo, Laura Genovese, presidente Sottosezione di Palermo, Nicolina Papa, presidente Sottosezione di Patti, Tania Amico presidente Sottosezione di Cefalù e Salvatore Fede, presidente Sottosezione di Noto.

Come ogni anno – dichiara Loredana Picone, presidente della Sezione Sicilia Occidentale – il pellegrinaggio rappresenta un momento altamente significativo, in cui tutti i nostri soci si riuniscono per pregare e per sostenersi l’un l’altro, annullando ogni barriera e ogni differenza. Sarà bello vedere la gioia sui volti dei partecipanti, gioia che quest’anno si riempie di soddisfazione per essere riusciti a organizzare un pellegrinaggio così numeroso. Davanti alla Grotta di Lourdes affideremo alla Vergine Maria non solo la nostra Associazione, ma anche i nostri soci ammalati e con disabilità che partono con noi, e in modo particolare i giovani, ai quali anche Papa Francesco sta dedicando un’attenzione particolare, sottolineando come la Chiesa abbia bisogno di loro e della loro gioia“.

La straordinarietà del pellegrinaggio a Lourdes – continua Nunzio Faranda, presidente della Sezione Sicilia Orientale – è vivere la gioia condivisa con chi soffre. Sofferenza e gioia, due parole che sembrano essere una contraddizione, ma non a Lourdes. Gioia che viene alimentata dalla fede, dalla speranza di chi soffre, dal sentire il bisogno di donarsi all’altro con amore, ma soprattutto la gioia di essere lì, in quella Grotta, dove Maria è apparsa a Bernadette e poter affidare a Lei tutte le nostre preghiere, angosce e sofferenze. In questo nostro primo pellegrinaggio del 2019 vogliamo ricordare la nostra cara Amelia Mazzitelli, vice Presidente Nazionale, che è tornata alla casa del Padre lasciando in noi tutti un grande vuoto, ma sicuramente tanti insegnamenti. Partiamo avendo ben presenti le sue parole quando spiegava il perché del nostro pellegrinaggio a Lourdes: ‘Noi andiamo là perché riempiamo la nostra vita non di cose materiali, ma essenziali che ci arricchiscono e danno  un senso a tutto. A noi Lourdes insegna continuamente a non dare nulla per scontato, ad apprezzare ogni attimo ed ogni cosa della nostra vita“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo