Siracusa, disagio psichico. Afadipsi: “linee regionali insufficienti”

I familiari hanno deciso di rivolgersi al deputato regionale Giorgio Pasqua, componente della commissione Sanità all'Ars, per cercare di apportare alcune modifiche attraverso emendamenti al documento

medico_ospedale_grande

Si sono detti delusi per le “Linee di indirizzo regionale per il fabbisogno delle Aziende del Servizio Sanitario Regionale” e quindi hanno deciso di rivolgersi al deputato regionale Giorgio Pasqua, componente della commissione Sanità all’Ars, per cercare di apportare alcune modifiche attraverso emendamenti al documento. L’Afadipsi, associazione dei familiari per il disagio psichico di Siracusa, ha sollecitato un intervento attraverso la presidente, Carmela Carbonaro, puntando soprattutto (ma non solo) sui parametri per i servizi ospedalieri del servizio psichiatrico di diagnosi a cura, così che da 0,35 si passi a 0,40 medici per posto letto e per gli infermieri da 0,96 a 1,4 per posto letto.

“Questo – dice la presidente – per rendere possibile quell’elemento centrale delle nostre battaglie che è il mantenimento di condizioni di dignità, non contenzione e no a Tso, trattamenti sanitari obbligatori impropri. Tutto ciò, assicurando un personale adeguato per numero e formazione con turni di lavoro meno stressanti e con minori rischi per il paziente e per il personale. Anche in questa struttura bisogna prevedere altre figure professionali (psicologo, assistente sociale). Per i servizi territoriali, l’Afadipsi chiede una psichiatria di comunità, con una integrazione socio sanitaria ed equipe multiprofessionali. Per i centri di salute mentale, i parametri proposti per i medici  (tra 0,10 a 0,20 per 1000 abitanti) e per infermieri e Osa Ota (tra 0,11 e 0,28 per 1.000 abitanti) a nostro avviso vanno bene anche se applicati al minimo. Bisogna necessariamente aggiungere psicologi: 0,07 ogni 1.000 abitanti. Assistenti sociali: 0,07 ogni 1.000 abitanti. Terapisti della riabilitazione: 0,01 ogni 1.000 abitanti”.

Richieste anche per il centro diurno. Per Siracusa sono previsti due medici, uno psicologo, un assistente sociale, 4 infermieri e due Ota. Il numero dei terapisti della riabilitazione, tuttavia, per l’Afadipsi, deve essere portato a 2.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo