Siracusa e i furbetti della differenziata. C’e chi riempie le bottiglie o bagna il cartone per aumentare il peso ma… rischiano la denuncia per frode

C’e chi prova ad aumentare il peso della frazione differenziata portata in piattaforma per poi sfruttare (e incrementare) lo sconto sulla Tari

552ac41a-3559-469a-aa07-0bd25925184a

Prima solo sporcaccioni, adesso anche furbetti. O presunti tali. La Polizia municipale ha scoperto negli ultimi tempi alcuni cittadini che utilizzando furbescamente i centri comunali di raccolta aumentando il peso della frazione differenziata portata in piattaforma per poi sfruttare (e incrementare) lo sconto sulla Tari. C’è chi bagna la carta, riempie di acqua le bottiglie di plastica, inserisce pezzi in ferro nascosti con altri rifiuti e poi pesa il tutto davanti agli operatori che, increduli del tentativo, non accettano il conferimento.

Oggi un uomo che si è presentato al ccr con alcuni sacchi di rifiuti non accettati da Tekra, che ha contattato la Polizia ambientale. Per adesso se l’è cavata con una ramanzina e con la differenziazione della propria spazzatura sul posto, dopo aver aperto e svuotato ogni sacco per poi procedere a una migliore separazione dei rifiuti, ma a questo punto la pazienza è finita.

C’è chi non ha ancora capito che si deve differenziare e come, quindi continueremo a sanzionare con verbali di 100 euro questi presunti furbetti – dice il commissario Romualdo Trionfante – ma devono capire che c’è anche il rischio di essere denunciati per frode al fisco, essendo questa di fatto un’evasione delle tasse comunali”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo