Siracusa-Gela: consegnate le opere dello svincolo “Maremonti”

A luglio del 2015 lo svincolo era stato comunque aperto al traffico e utilizzato, oggi invece concluse le opere idrauliche contro il dissesto idrogeologico

photo-2019-05-20-14-10-21

Si è svolta stamane la cerimonia di consegna al territorio dello svincolo “Mare monti” dell’autostrada Siracusa-Gela, infrastruttura che per cinque anni era rimasta incompiuta. Erano presenti l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, i deputati regionali Rossana Cannata, Daniela Ternullo e Giovanni Cafeo, sindaci e amministratori locali del Siracusano. Lo svincolo agevola i collegamenti fra la costa, l’autostrada e centri come Canicattini Bagni e Palazzolo Acreide. A luglio del 2015 lo svincolo era stato comunque aperto al traffico e utilizzato, oggi invece la consegna di opere idrauliche contro il dissesto idrogeologico.

A novembre – ha detto l’assessore Falcone – abbiamo fatto ripartire il cantiere di un’opera che purtroppo si era arenata, diventando un’incompiuta. Lo svincolo “Mare Monti” viene oggi restituito finalmente completo al territorio grazie all’inversione di tendenza voluta dal Governo Musumeci sul Consorzio per le autostrade siciliane. Abbiamo trovato un ente in crisi; oggi il Cas si è rimesso in piedi e comincia a dare risposte ai siciliani. L’infrastruttura oggi completata consente di mettere in sicurezza dal punto di vista idrogeologico uno svincolo che diventa strategico all’interno della viabilità del Siracusano. Oggi un’opera da 12 milioni di euro che era bloccata viene consegnata alla fruizione dei cittadini”. 

In seguito l’assessore ha compiuto un nuovo sopralluogo sulla bretella Noto-Pachino, all’uscita dello svincolo di Noto. Il cantiere procede speditamente – ha sottolineato l’assessore alle Infrastrutture – e, così come da tabella di marcia, nel mese di giugno il collegamento fra lo svincolo di Noto e la zona costiera di Lido di Noto sarà realtà”.

“Già lo scorso mese – spiega la parlamentare Rossana Cannata – mi ero recata al cantiere al fine di verificare con l’assessore alle Infrastrutture e alla Mobilità, Marco Falcone, il completamento delle opere idrauliche necessarie per la messa in sicurezza della zona. Ultimati gli interventi contro il dissesto idrogeologico e superate le difficoltà tecnico-amministrative con gli esperti del Cas il Governo regionale, nel novembre 2018, ha sbloccato un importante snodo per la fruizione dei territori montani, oltre che vantaggioso per il deflusso della viabilità del territorio aretuseo. Uno snodo che avrebbe potuto rischiare di rimanere un’incompiuta, dopo che i lavori sullo svincolo in questione dovevano essere completati nel 2015, ma vennero sospesi. Dopo la cerimonia di consegna assieme all’assessore Falcone abbiamo fatto un sopralluogo nel cantiere della bretella Noto-Pachino, dove a fine giugno, terminate le fasi di collaudo, si procederà a rendere fruibile più di metà del tratto interessato dai lavori, consentendo, quindi, l’apertura delle rotatorie che permettono, altresì, l’accesso spedito nelle zone marinare, su Lido di Noto. Resta alta l’attenzione nel monitorare tutta la viabilità siracusana con l’impegno concreto, come quello odierno, di assicurare e rendere fruibili infrastrutture funzionali ed efficienti”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo