“Siracusa hub del Mediterraneo, una città tra due sponde”: il 18 e 19 ottobre all’Antico Mercato di Ortigia

Si affronteranno tre importanti macro-temi: “Società aperta e lavoro”, “La frontiera, un limite da superare” e “Costruiamo insieme il futuro”

ReStart_Manifesto_70x100_print

Dopo il grande successo della rassegna di eventi legati al progetto ReStart, conclusa con la due giorni del 3 e 4 maggio scorsi, l’associazione “Insieme” e il movimento “Res” promuovono una nuova serie di incontri e confronti con al centro le numerose sfaccettature economiche, sociali e culturali che caratterizzano la città di Siracusa.

La manifestazione, intitolata “Siracusa hub del Mediterraneo: una città tra due sponde”, affronterà nel corso delle giornate del 18 e 19 ottobre tre importanti macro-temi: “Società aperta e lavoro”, “La frontiera, un limite da superare” e “Costruiamo insieme il futuro”. Già confermata la presenza del filosofo Giulio Giorello, co-autore insieme al giornalista Giuseppe Sabella del libro “Società aperta e lavoro. La rappresentanza tra ecocrisi e intelligenza artificiale”, della teologa, religiosa e docente universitaria prof.ssa Antonietta Potente oltre a numerose altre personalità nazionali e internazionali, provenienti dal mondo della politica, del lavoro e dell’impresa, dell’associazionismo e della società civile.

Nel corso dell’evento verrà inoltre presentata una scuola di formazione politica, dedicata ai giovani delle scuole e agli amministratori locali interessati. “Ad ogni macro-tema affrontato nel corso della due giorni, corrisponderanno dei focus di approfondimento – spiega Giovanni Cafeo, deputato regionale all’Ars e coordinatore dell’iniziativa e promotore del progetto ReStart – legati ad argomenti fondamentali per la città di Siracusa, come il suo rapporto con il mare, la cultura o i giovani”.

Dopo aver presentato lo scorso 19 settembre i risultati dei tavoli di lavoro svolti nel corso dell’ultimo evento ReStart di maggio – conclude Giovanni Cafeo – oggi possiamo ripartire sia provando a dare una risposta concreta ai problemi precedentemente sollevati, sia offrendo nuove visioni e prospettive per risolvere alcune delle grandi questioni sospese che coinvolgono la città di Siracusa e che ancora non avevamo affrontato”.

Proprio ad alcune di queste questioni sono rivolti particolari momenti di approfondimento previsti nel corso della due giorni, ad esempio sul futuro del Golfo di Siracusa e dell’area manifatturiera di Targia; non mancheranno poi piacevoli momenti di intermezzo musicale, con le condivisioni culturali a cura di Rino Cirinnà e Carlo Muratori

Lo “start” è fissato per venerdì 18 ottobre alle 15.30, per restare aggiornati sull’iniziativa basta seguire i canali Facebook e Twitter di Res o il sito web www.res-online.org


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo