Siracusa, igiene urbana: quasi 20 mila euro per controllare il servizio. Il consigliere Catera chiede i risultati

Presentata un'interrogazione in cui si chiede all'assessore al ramo, Pierpaolo Coppa e al direttore dell'esecuzione del servizio, Salvatore Genova, di relazionare in aula sui risultati fin qui raggiunti

Il direttore dell’esecuzione del servizio di igiene urbana a Siracusa, Salvatore Genova e l’assessore al ramo Pierpaolo Coppa vengano in aula a relazionare sul proprio operato“. A chiederlo con un’apposita interrogazione all’amministrazione comunale è il consigliere Chiara Catera di Cantiere Siracusa. Genova, tramite la società di ingegneria Esper di Torino, che ha presentato l’offerta più vantaggiosa per il servizio (la figura è obbligo di legge) è da quasi 7 mesi il soggetto terzo che deve valutare di mese in mese l’operato della Tekra sul territorio cittadino. Il tutto a un costo di circa 20 mila euro oltre Iva per le casse di Palazzo Vermexio.

Ed è sempre suo il compito di stabilire, insieme con il dirigente le sanzioni da comminare alla città. Come ad esempio nel mese di aprile, quando alla ditta campana è stata comminata una sanzione di poco superiore ai 10 mila euro per “disfunzioni o inadempimenti” del servizio.

Sarebbe interessante avere un quadro più chiaro – prosegue la Catera – per meglio comprendere quali servizi non siano stati effettuati e quale sia il giudizio di Genova sull’operato della nuova ditta di igiene urbana anche alla luce della nuova gara settennale che prenderà il posto di questa aggiudicazione “ponte” e delle notizie emerse dalla Procura di Caltanissetta“.

La Tekra svolge il servizio in città dal 10 dicembre scorso ereditando la gestione da Igm. Un cambio appalto non senza traumi, tra proteste dei lavoratori e un servizio di raccolta differenziata porta a porta che stenta a decollare, nonostante sia finalmente stata completata la rimozione dei cassonetti a Tiche in attesa di Grottasanta. “Per questo – conclude il consigliere – sarebbe importante avere la presenza anche dell’assessore Coppa che da 4 anni gestisce la rubrica. Solo lui, oggi, potrebbe chiarire cosa ha funzionato e cosa ancora non va per il verso giusto in un servizio delicato come quello dell’igiene urbana“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo