Siracusa, la morte di Simone Geracitano: il cordoglio di sindaco, scuola e Federazione Tennis

"Era uno studente modello - si legge in una nota della scuola - che continueremo sempre a ricordare per la sua bravura, per il garbo dei modi, la lealtà, il buon carattere, il senso del dovere e per la sua voglia di vivere"

simone-geracitano

Il sindaco, Francesco Italia, esprime cordoglio a nome personale, della città e dell’amministrazione ai genitori e ai familiari di Simone Geracitano, lo studente morto la notte scorsa in un incidente stradale in viale Scala Greca.

Una giovane vita spezzata – afferma il sindaco Italia – lascia in tutti noi un’infinita tristezza. In pochi frangenti si azzerano progetti, aspettative, speranze costruiti sull’amore e che sono il senso stesso di una famiglia. Al loro posto resta solo un vuoto incolmabile. Simone, purtroppo, va ad allungare il triste elenco dei morti della strada che, per quanti sforzi si compiano e nonostante le campagne di informazione svolte, non si riesce ad arrestare”.

La dirigente scolastica, Teresella Celesti, i docenti, il personale Ata e gli studenti dell’istituto “Luigi Einaudi” di Siracusa esprimono ai genitori Concetta e Santo e ai familiari tutti il proprio cordoglio per la prematura scomparsa dello studente Simone. “Era uno studente modello – si legge in una nota – che continueremo sempre a ricordare per la sua bravura, per il garbo dei modi, la lealtà, il buon carattere, il senso del dovere e per la sua voglia di vivere. Riposa in pace Simone, sarai sempre nei nostri cuori”.

Anche il presidente regionale della Federazione italiana Tennis Gabriele Palpacelli, il Consiglio regionale, le delegazioni provinciali, la segreteria e tutto il movimento tennistico siciliano, piangono la tragica scomparsa di Simone, giovane tennista siracusano e si stringono alla famiglia, al Tennis Club Siracusa e a tutto il tennis siracusano.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo