Siracusa, lastre d’amianto sul tetto di uno stabile: la chiesa di San Paolo Apostolo resterà chiusa fino alla loro rimozione

"Abbiamo più volte inviato tramite legale la richiesta ai proprietari di togliere l'amianto. In ultimo, più di un mese fa, i vigili urbani hanno fatto una perizia, dichiarando nel verbale che il tetto andava rimosso. Tuttavia l'amianto frantumato è ancora lì"

tettoia_amianto

La chiesa di San Paolo Apostolo rimarrà chiusa finché non si provvederà alla rimozione delle lastre in amianto per 30 mq frantumato in più parti sul tetto di uno stabile limitrofo e segnalato in primavera. Lo comunicano padre Rosario Lo Bello e il Consiglio pastorale della parrocchia, che evidenziano come l’acqua delle precipitazioni colasse dal tetto fino a quelli dell’oratorio e dei saloni parrocchiali, alle grondaie che giungono fino al piccolo cortile della parrocchia.

Abbiamo più volte inviato tramite legale la richiesta ai proprietari di togliere l’amianto. In ultimo, più di un mese fa, i vigili urbani hanno fatto una perizia, dichiarando nel verbale che il tetto andava rimosso. Tuttavia l’amianto frantumato è ancora lì – sottolineano – Reputiamo che la sua presenza (soprattutto quando c’è vento) costituisca per i tanti ragazzi della parrocchia, per nostri bambini, per gli anziani, per tutta la zona limitrofa, un grave rischio per la salute“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo