Siracusa, l’autonomia regionale siciliana compie 73 anni. Sorbello (Acli): “riaffermare il senso di un corretto federalismo”

Come sottolineava don Sturzo - dice - autonomia vuol dire coscienza della nostra forza e delle nostre debolezze, che devono essere corrette e superate, come l’individualismo, che porta i siciliani a non essere uniti tra loro"

Siracusa, Consiglio comunale, manca ancora il numero legale sull'affido familiare. Tutta colpa di Sorbello...

L’Autonomia regionale siciliana compie oggi 73 anni e, in presenza delle pressanti rivendicazioni di regioni del nord, come Lombardia, Veneto ed Emilia, è indispensabile riaffermare il senso di un corretto federalismo, che non può essere attuato a danno di una parte del paese, in particolar modo su materie molto delicate come sanità e istruzione”. A dirlo è il dirigente provinciale delle Acli di Siracusa Salvo Sorbello che annuncia nelle prossime settimane un approfondimento di diversi temi del regionalismo e della riforma delle autonomie attualmente in discussione a livello nazionale, affinché non si realizzi in Italia una secessione dei ricchi.

Come sottolineava don Sturzo – conclude – autonomia vuol dire coscienza della nostra forza e delle nostre debolezze, che devono essere corrette e superate, come l’individualismo, che porta i siciliani a non essere uniti tra loro. E sempre don Luigi Sturzo, cittadino onorario di Siracusa, proprio in occasione dell’incontro con personalità della nostra città ribadì come occorra perseguire l’unione tra i siciliani per gli interessi della Sicilia “al di sopra dei partiti, perché quando la difesa degli interessi della nostra isola, così trascurati e danneggiati, lo esigono, non ci sono partiti che possano comandarci di tradirli o di manometterli”.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo