fbpx

Coronavirus. Dalla Lombardia i primi segnali positivi, ma occorrono almeno altri 15 giorni di blocco

Siracusa: l’opera di Nicola Lagioia vince il Superpremio Vittorini, in una serata connubio tra cultura e spettacolo

Poco dopo la mezzanotte di venerdì, 25 giugno 2010, in un Teatro Greco grenito di pubblico, il presidente della Provincia regionale di Siracusa On. Nicola Bono ha consegnato allo scrittore barese Nicola Lagioia il Superpremio “Vittorini” per la sua opera “Riportando tutto a casa”, scelta dalla Giuria dei Lettori fra i tre finalisti ex equo della quindicesima edizione del premio.

Un romanzo d’iniziazione, maturo e arrabbiato, con una scrittura tesa, alta e capace di una precisione lenticolare, che si svolge nella Bari degli anni Ottanta e racconta una storia di amicizia, di tradimenti, di conflitti generazionali, specchio dell’eterna adolescenza di un Paese che diventa vecchio senza essere cresciuto.

Premiate anche le altre due opere finaliste di quest’anno: “Hanno tutti ragione”, di Paolo Sorrentino – assente alla consegna del Vittorini perchè impegnato nella lavorazione di un film negli Stati Uniti – e “Lume Lume”, di Nino Vetri, palermitano, fattosi portatore di un universo colorato e ironico che incotra ogni giorno nel quartiere multietnico in cui vive, dove la diversità assume sfaccettature inaspettate.

La giuria, presieduta dal prof. Natale Tedesco, ha assegnato anche il “Vittorini” per l’opera prima a Giulia Villoresi per “La Panzanella”. Durante la cerimonia sono stati consegnati anche i Premi Speciali del Presidente della Provincia a Tuccio Musumeci (per il Teatro), Francesco Cafiso (per la Musica) e Pietrangelo Buttafuoco ( per il Giornalismo).

La serata è stata condotta da Fabrizio Frizzi ed ha visto la partecipazione di Gino Paoli, Patty Pravo e dell’Orchestra Mediterranea Siracusana e Coro, diretta dal Maestro Michele Pupillo.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo