Siracusa-Messina, le interviste: Lucarelli una furia, Sottil felice per i 3 punti e Catania festeggia i 100 gol

lucarelli Mister Lucarelli

Sentimenti ovviamente contrastanti nel dopo partita, con mister Sottil soddisfatto e concentrato e dall’altra parte un Lucarelli… piccante.

Lucarelli una furia contro i suoi: “Dopo un buon inizio sulle uniche due sortite del Siracusa che avevamo preparato in settimana, soprattutto la seconda occazione, studiata fino alla noia, fa girare le scatole non poco. Fino a quel momento eravamo noi a fare la partita ma questo uno due del Siracusa è stato difficile da ribaltare. Faccio i complimenti al Siracusa per la cattiveria agonistica perchè con questo carattere e le provocazioni, non lo dico per fare polemica, ma perchè per salvarsi bisogna lottare con le unghie e con i denti ed essere sporchi e cattivi”.

I riferimenti hot del mister messinese:  “Noi siamo bravi a fare sesso orale ma poi non concludiamo. Questa partita ci deve insegnare come si deve giocare per non retrocedere, perchè non è un caso che tutti pagano dazio quando giocano qui a Siracusa. In questo momento il Messina è una Ferrari con il motore di una ‘500 e finchè la squadra non lo capirà, non si andrà da nessuna parte“.

Sottil soddisfatto per i tre punti, ma si rifiuta di parlare di mercato: “Abbiamo preparato la partita come ha fatto la squadra nel primo tempo, cioè cercando di colpiere il Messina sugli esterni con degli uno contro uno veloci e mettere dei palloni veloci dentro cercando Scardina e Catania. Nella prima frazione direi che la squadra non ha mai rischiato ed è stata quasi perfetta. Nella ripresa quando loro si sono messi 5-3-2, noi abbiamo contenuto bene, siamo ripartiti un po’ male su alcune circostanze in cui ci è mancata qualità, ma il Messina è stato pericoloso solo su una conclusione di Madonia. Direi che è stata un’ottima giornata e sono stati 3 punti per il nostro traguardo. Lucarelli sa bene come interpreto il calcio, ma il lo dico sempre: noi siamo questi. Cattivi agonisticamente, con spirito di sacrificio ma oggi ci sono stati anche gol di ottima fattura. Cassini sta crescendo, gli chiedo sempre di essere più concreto e oggi lo è stato. Credo che sia un giocatore con delle qualità importanti ma che deve affinare alcuni momenti in cui è troppo lezioso. Potrebbe giocare dietro la punta, ma per adesso la coppia Catania-Scardina da troppe garanzie, così come Cassini e Valente le danno sugli esterni. Bene anche gli esterni di difesa, ho deciso di dare fiducia a tutti quelli che fin qui mi hanno dato tantissimo, nonostante la brutta prestazione di Francavilla. Sulle parole di Lucarelli non posso non dire che non mi faccia piacere. Io ai play off però non ci penso, penso a centrare il nostro obiettivo che è la salvezza“.

Di mercato, invece, non parla. Non vuole parlare di nomi o di rinforzi. “Abbiamo le idee chiare su quello che se dobbiamo fare, faremo. Lo dico perchè non mi piace il mercato invernale e la confusione che porta oltre a essere poco rispettoso per questi ragazzi che alleno dal 20 luglio e che mi hanno dato tanto fino ad adesso“.

Emanuele Catania festeggia i 100 gol in carriera:Oggi è stato fondamentale per il nostro cammino, prima per la brutta figura di sabato scorso. Una vittoria cercata, si poteva fare meglio ma importante perchè venuta contro una diretta concorrente. Giovare a Siracusa è sempre stato un campo difficile, e per il nostro obiettivo è importante fare punti al “De Simone”. Con Scardina oggi abbiamo fatto una delle nostre più belle partite. È normale perchè cresce l’intesa e cresce anche la forma della squadra“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo