Siracusa, minacce al giornalista Pino Guastella: disposti i domiciliari per Umberto Montoneri

In particolare, l'uomo avrebbe intimorito con frasi minatorie il giornalista presente in aula in qualità di cronista al fine di farlo desistere dal pubblicare articoli relativi al cognato Gianfranco Urso, soggetto attualmente detenuto già riconosciuto con sentenze irrevocabili come appartenente al clan mafioso “Bottaro-Attanasio”.

181109-montoneri

Nella mattinata odierna, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Catania, agenti della Squadra Mobile di Siracusa hanno eseguito un’ordinanza custodiale emessa dal Gip del Tribunale di Catania con la quale è stata disposta l’applicazione della misura cautelare personale degli arresti domiciliari nei confronti di Umberto Montoneri, nato a Siracusa nel 1964.

L’arrestato risulta gravemente indiziato dei reati di tentata violenza privata e violenza privata consumata e continuata aggravata dall’utilizzo del metodo mafioso per aver minacciato il giornalista Pino Guastella, direttore di un quotidiano on-line in occasione di una udienza svoltasi al Tribunale di Siracusa lo scorso ottobre.

In particolare, il Montoneri avrebbe intimorito con frasi minatorie il giornalista presente in aula in qualità di cronista al fine di farlo desistere dal pubblicare articoli relativi al cognato Gianfranco Urso, soggetto attualmente detenuto già riconosciuto con sentenze irrevocabili come appartenente al clan mafioso “Bottaro-Attanasio”. Nella medesima occasione, l’indagato avrebbe inoltre impedito il rientro in aula del cronista, ponendosi dinanzi la porta di ingresso e apostrofandolo con ulteriori frasi intimidatorie.

Al Montoneri è stata contestata, altresì, l’aggravante di aver agevolato l’attività dell’associazione mafiosa.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo