Siracusa, presentato il progetto Onda Coin. Mannheimer: “Sud pronto per la moneta complementare”

Gli italiani, in particolare al Sud, hanno conoscenza degli strumenti alternativi alla moneta. E’ questo il risultato per certi versi confortante che emerge dal sondaggio condotto dal sociologo Renato Mannheimer con Eumetra MR

mannheimer

Gli italiani, in particolare al Sud, hanno conoscenza degli strumenti alternativi alla moneta. E’ questo il risultato per certi versi confortante che emerge dal sondaggio condotto dal sociologo Renato Mannheimer con Eumetra MR e presentato alla serata di lancio del progetto Onda Coin a Siracusa.

L’Istituto di Ricerca ha intervistato un campione rappresentativo di oltre 800 persone per sondare l’animo degli italiani rispetto alla crisi e per comprendere se ripongono (ancora) fiducia nella ripresa dell’economia.

Se da un lato nel nostro Paese solo pochi ritengono che la crisi sia davvero finita, dall’altro una buona percentuale degli intervistati risulta informata sulle monete alternative e complementari, o comunque ne conosce l’esistenza (il 42% del campione), il 24% addirittura “sa bene di cosa si parla”.

Ma il dato incoraggiante è che il 45% giudica la moneta complementare (che offre la possibilità di effettuare transazioni senza uso di denaro, pagando con i propri beni o servizi) un’iniziativa utile.

Non stupisce che questa percentuale aumenti per i giovani, più edotti sul “barter 4.0” rispetto agli intervistati over trentacinquenni: probabilmente i ragazzi intuiscono le grandi potenzialità della moneta complementare, un baratto multilaterale tra aziende e professionisti che grazie a questa modalità virtuosa riescono a mettere in moto l’economia senza intaccare le proprie riserve di liquidità.

Desta invece una certa, positiva sorpresa, il fatto che al Sud e nelle Isole la fiducia sull’utilità della moneta complementare sia ancora più forte rispetto al resto d’Italia.

Sicuramente un dato importante, quest’ultimo, per il progetto di moneta complementare Onda Coin nato in questi giorni in Sicilia e frutto dell’iniziativa di imprenditori esperti nei campi del marketing, delle vendite, dei canali di distribuzione, della finanza e delle nuove tecnologie al servizio delle aziende.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo