Siracusa provincia sempre più English: cresce l’interesse alla lingua inglese e alla cultura britannica

Notevole (e di buon auspicio) la crescita del numero di esami Cambridge riscontrata nel corso degli ultimi 10 anni, da 400 a circa 4.000 sessioni svolte annualmente

academy-of-english-corsi-di-inglese-studenti-americani

In provincia di Siracusa si è ormai abituati alla necessità di parlare in inglese a turisti e clienti. L’Academy of English, con questa intervista alla sua fondatrice Ann Byrne, testimonia i progressi della città alla conquista della lingua inglese e il fascino pop per la cultura anglofona, osservando i cambiamenti dall’anno della fondazione nel 1984 fino ad oggi. Notevole (e di buon auspicio) la crescita del numero di esami Cambridge riscontrata nel corso degli ultimi 10 anni, da 400 a circa 4.000 sessioni svolte annualmente.

Siracusa quindi provincia sempre più English: la crescita per l’interesse alla lingua inglese e alla cultura britannica in generale appare evidente da alcuni dati che raccontano la storia dell’Academy of English, la scuola d’inglese presente a Siracusa dal 1984, che quest’anno festeggia i suoi 35 anni di attività.

“Quando iniziai i primi corsi di lingua inglese in città – spiega Ann Byrne, direttrice della scuola – era molto inferiore il numero di persone che manifestavano interesse nelle lingue, spinte da motivazioni personali o da progetti specifici di lavoro. In seguito , la globalizzazione e la crescita del turismo a livello locale, oltre alla fluidità nel mercato del lavoro e degli studi, hanno consentito di segnare un traguardo condiviso con tutta la città”.

Un trend in crescita tangibile, rafforzato dai numeri delle certificazioni Cambridge che negli ultimi dieci anni si sono decuplicate: da un numero di 400 esami svolti nel 2009, anno del riconoscimento dell’Academy come centro di certificazione per la provincia di Siracusa, ai quasi 4.000 effettuati quest’anno, per cui è prevista la cerimonia di consegna dei certificati con l’evento Academy Awards del 23 e 24 settembre.

Una parte consistente sono proprio bambini e ragazzi in età scolastica, che coprono circa l’80% del numero totale di esami di certificazione: “Lo studio della lingua inglese è oramai percepito dalle famiglie come una pilastro fondamentale di una formazione completa da inserire nella percorso educativo fin da piccoli – conferma Ann -. Spesso lo studio dell’inglese diventa lo spunto non solo di incontro con un’altra cultura, ma anche di curiosità per l’esplorazione dell’Europa e del mondo. Alcuni nostri studenti scelgono degli istituti e delle università estere, confortati dal fatto di avere alle spalle un percorso solido di apprendimento dell’inglese, che permette di accrescere le ambizioni e raggiungere traguardi superiori nello studio e nel lavoro”.

Un’altra importante quota delle certificazioni sono quelle conseguite dagli adulti: nel tempo non solo sono aumentate le richieste da chi è già nel mondo del lavoro, o vorrebbe entrarvi, ma le competenze richieste sono diventate più specifiche e legate a settori di riferimento che oggi trainano in parte l’economia del territorio: ristorazione, accoglienza e turismo, per i quali l’Academy ha sviluppato la formula di workshop specializzati.

Una storia di successo partita dall’Irlanda e che oggi a Siracusa conta circa 20 insegnanti madrelingua, i quali risiedono in città durante l’anno scolastico. “Le difficoltà in questi anni non sono mancate, ma mi ha sempre spinto in avanti la visione di una crescita del territorio che stava e sta avvenendo – conferma Ann -. Nel corso degli anni mi ha motivato la dedizione degli studenti, i quali condividono e supportano la nostra visione e offerta formativa, favorendo lo sviluppo dell’Academy come centro culturale, oltre che scuola di lingue. Oggi è così grazie agli appuntamenti aperti alla città e a quelli destinati ai nostri studenti, tra i quali le presentazioni di libri, i seminari Cambridge, le visite di docenti universitari italiani e internazionali, aperitivi linguistici e feste tematiche che favoriscono la possibilità di scambi linguistici con gli studenti stranieri, i quali soggiornano nella nostra città per periodi prolungati e interi semestri di studio”.

Con la nascita dei due nuovi dipartimenti, The Italian Academy e Syracuse Academy, Siracusa accoglie ogni anno una nutrita comunità composta da studenti provenienti da tutto il mondo, e in particolare da diverse università statunitensi, quali University of California e University of Minnesota, che scelgono la nostra città per studiare la lingua e la cultura italiana, oltre a materie umanistiche e scientifiche con un focus sull’area mediterranea. Una comunità anglofona, giovane e dinamica che rappresenta un segno distintivo per un territorio sempre più cosmopolita.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo