Siracusa, rifiuti: nonostante i “nostalgici” del cassonetto, si estende la raccolta differenziata. Da oggi al via alla Borgata

mastelli_differenziata_siracusa

"Abbiamo però bisogno dell'aiuto della cittadinanza - afferma l'assessore Pierpalo Coppa -, perché non è possibile né immaginabile un controllo "militare" del metodo di conferimento dei rifiuti in città."

Il nuovo sistema di raccolta differenziata di Siracusa è partito in quattro zone cittadine, ma restano ancora i “nostalgici” del cassonetto. Il nuovo sistema di raccolta ha preso il via a Cassibile, Belvedere, Ortigia e da oggi anche nel quartiere Santa Lucia.

Per cercare di abituare la cittadinanza al nuovo sistema è stato pensato di fornire un mese “ibrido” in cui il cittadino ha il tempo di fornirsi delle attrezzature (i vari mastelli), prendere abitudine con la raccolta domiciliare ma avere per un mese circa a disposizione anche i vecchi cassonetti. “La gente però – afferma l’assessore all’Ambiente Pierpaolo Coppa – deve abituarsi al nuovo sistema. Non una scelta, ma un preciso obbligo di legge. Bisogna ritirare le attrezzature, conferendo i rifiuti nel modo corretto e nei tempi previsti dal calendario“.

Proprio per aiutare attività commerciali e cittadini nel conferimento (che deve essere effettuato dalle 22 alle 5) l’amministrazione sta pensando di estendere l’orario facendolo partire alle 20. La raccolta del rifiuto, così come stabilito con l’azienda, è invece previsto dalle 5 alle 11. Per chi continua a conferire dove c’era il cassonetto Coppa afferma come il problema abbia diverse sfaccettature. “Il primo quello degli evasori – prosegue l’assessore -, di coloro che non risultano utenti Tari e quindi non possono ritirare le attrezzature e quindi conferiscono dove c’erano i cassonetti. In questo momento ci sarà un margine di tolleranza per consentire di sanare le proprie posizioni, ma ancora per qualche giorno. Stiamo già partendo con le verifiche di chi non si è autodenunciato e con gli accertamenti faremo emergere l’evasione Tari“.

Anche la Polizia Municipale svolgerà opera di controllo sia sul conferimento sia sulla raccolta dei rifiuti. “Abbiamo però bisogno dell’aiuto della cittadinanza – conclude l’assessore -, perchè non è possibile nè immaginabile un controllo “militare” del metodo di conferimento dei rifiuti in città.”

Oggi intanto è ufficialmente partita la raccolta differenziata “Porta a porta” nel quartiere Santa Lucia. In molti hanno già ricevuto la lettera d’invito e ritirato i mastelli per poter differenziare i rifiuti.
Alcuni residenti, ad oggi, ci segnalano di non aver ricevuto la lettera d’invito. Per chi non l’avesse ricevuta, è possibile recarsi al punto di distribuzione in Piazza Santa Lucia 25/A e portare con sé l’ultimo prospetto Tari ricevuto e la copia del documento di identità dell’intestatario.

Nessuna preoccupazione, quindi, per chi non è riuscito ancora a differenziare o ritirare i mastelli. In questa prima fase i cassonetti classici non saranno rimossi, almeno fino a una esaustiva distribuzione alla cittadinanza del quartiere. Discorso diverso invece per i residenti di Ortigia, qui i cassonetti sono già stati tolti e la nuova raccolta porta a porta sta per entrare a pieno regime.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi