Siracusa, rinnovo delle concessioni per i loculi del cimitero: Moena Scala spiega l’iter

"Ho atteso il corretto svolgimento dell'iter burocratico per non affermare inesattezze, interessandomi personalmente dell'evoluzione di questa questione"

moena-scala-presidenza

“Ho atteso il corretto svolgimento dell’iter burocratico per non affermare inesattezze, interessandomi personalmente dell’evoluzione di questa questione che tanto sta facendo discutere e che porta alcuni a banali strumentalizzazioni politiche del tutto lontane dal mio ruolo istituzionale”.

Così la presidente del Consiglio comunale Moena Scala interviene sulla vicenda del rinnovo delle concessioni per i loculi del cimitero, rilasciando delle dichiarazioni che riportiamo qui di seguito:

“In data 23 luglio 2019 il consigliere Reale invia una mail alla Presidenza chiedendo di provvedere al deposito della proposta di delibera di modifica del regolamento di Polizia Mortuaria artt. 73, commi 2 e 3, art. 70 e art. 41 comma 4.

Giorno 24 luglio (erano allora trascorse meno di 24 ore dalla ricezione della mail nella quale, tra l’altro, la proposta non era stata allegata!), l’Ufficio di presidenza provvede tempestivamente a redigere la proposta, rubricata agli atti al n. 35 del 24 luglio 2019, trasmettendola in tempo reale all’ufficio competente per l’obbligatorio parere tecnico.

Ad oggi, lunedì 12 agosto 2019, dopo vari miei solleciti per le vie brevi ma anche formalizzati con mail dell’8 agosto 2019, nessun parere è stato ancora reso (e tale circostanza è DEL TUTTO INDIPENDENTE DALLA VOLONTÀ DELLA SCRIVENTE PRESIDENZA!).

La proposta è depositata presso l’Ufficio ambiente in attesa di un parere legale che, lo ribadisco ancora una volta, nulla ha a che vedere con la volontà della scrivente la quale si è adoperata prontamente ed in ogni modo perché questa iniziativa, come tutte le altre pervenute, possa approdare in Consiglio.

Ribadisco per maggior chiarezza l’iter burocratico necessario. Le proposte di deliberazione devono, per legge, seguire una procedura precisa che non può saltare fasi:

  • acquisizione dei pareri obbligatori tecnico e contabile;
  • trasmissione al Collegio dei revisori legali qualora la proposta abbia riflessi di carattere economico ed ai sensi dell’art. 239 del TUEL;
  • trasmissione alle commissioni consiliari il cui parere è obbligatorio ma non vincolante.

Solo dopo aver seguito tutte le fasi ed essere spirato il termine per le commissioni per il parere, solo allora la Presidenza può calendarizzare la proposta all’ordine del giorno di un consiglio comunale.

Strumentalizzare l’operato della Presidenza e del suo ufficio che ha ben lavorato è esercizio che non consento in maniera ferma a nessuno!”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo