Siracusa, Russoniello (M5S): “uffici ex circoscrizioni al collasso, attività paralizzata”

"Cambiamenti nelle aperture pomeridiane da un lato e ferie, malattie e pensionamenti dei dipendenti dall’altro, rischiano di paralizzare l’attività degli uffici, creando un grave danno all’utenza in un periodo dell’anno in cui, in vista delle partenze per le vacanze, aumentano per esempio le richieste di rinnovi di carte d’identità”

silviarussoniello-5stelle

“Uffici delle circoscrizioni al collasso. Cambiamenti nelle aperture pomeridiane da un lato e ferie, malattie e pensionamenti dei dipendenti dall’altro, rischiano di paralizzare l’attività degli uffici, creando un grave danno all’utenza in un periodo dell’anno in cui, in vista delle partenze per le vacanze, aumentano per esempio le richieste di rinnovi di carte d’identità”. Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Silvia Russoniello, punta il dito contro il cattivo funzionamento della macchina amministrativa.

Un argomento, questo, per cui si è sempre spesa, anche in occasione della campagna elettorale di un anno fa: “Il Comune – aveva detto allora e ribadisce adesso – funziona solo se ha del personale motivato, formato e qualificato. Con una valorizzazione delle sue competenze e capacità, dal punto di vista sia umano sia professionale, che deve essere costante. Perché sono i dipendenti comunali a metterci la faccia con i cittadini e se hanno problemi il sindaco deve aiutarli mettendo a loro disposizione uffici efficienti. Invece che cosa sta avvenendo in questo periodo – ancora Silvia Russoniello -? si modificano gli orari di apertura pomeridiana degli uffici circoscrizionali, costringendo alcuni dipendenti a spostamenti in altri uffici non solo di pomeriggio ma anche di mattina. Quando c’è già altro personale e quello spostato momentaneamente non può far molto, essendo privo di strumenti operativi come computer e quant’altro”.

Non solo. Il consigliere comunale Silvia Russoniello si chiede: “perché dopo la legge 11 del 2015 che abolisce i consigli di circoscrizione, le città metropolitane, Catania solo per fare un esempio, hanno ridotto il numero di circoscrizioni, mentre Siracusa l’ha mantenuto invariato? Ben 9 circoscrizioni con personale dedicato sempre più insufficiente e non solo in questo periodo a causa delle ferie. La carenza, frutto anche di mancanza di programmazione e di una cattiva gestione del personale, è ormai perenne. E allora invece di continuare a navigare a vista, credo che si potrebbe operare nella stessa maniera a Siracusa. Accorpando alcuni uffici di circoscrizione e di conseguenza personale e strumenti che verrebbero così potenziati. Ciò permetterebbe inoltre di risparmiare alcuni affitti”. Il consigliere Russoniello però confonde il piano politico (con l’abolizione dei Consigli di circoscrizione e quindi lo stop alle elezioni dirette o indirette dei consiglieri) con quello amministrativo, considerando che non sono stati aboliti gli uffici amministrativi.

Il consigliere comunale Silvia Russoniello conclude ricordando tra l’altro una delibera di Giunta, che è un atto di indirizzo con cui vengono ridotte a 5 le municipalità (Cassibile e contrade del mare, Belvedere ed Epipoli, Ortigia e Santa Lucia, Akradina e Grottasanta, Tiche e Neapolis) ma mai applicato. E Silvia Russoniello chiede in conclusione: “perché non è mai stato reso esecutivo? Perché non si è seguito l’iter per la sua discussione o approvazione?”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo