Siracusa, secondo giorno di protesta per gli studenti del Quintiliano: “struttura scolastica inadeguata”

Il problema è sempre riferito al problema economico e gestionale dell'ex Provincia, che si trova in difficoltà, commissariata, con un enorme debito e senza un indirizzo politico e introiti certi

quintiliano-protesta

“Stiamo protestando per le condizioni pietose della struttura, i bagni delle ragazze chiusi (ne abbiamo solo 3 in sede centrale), in succursale un solo lavandino in 3 piani. In succursale non c’è gas e quindi niente riscaldamenti”. A parlare è una delle rappresentanti d’istituto Ginevra Di Marco che sintetizza così il secondo sit-in consecutivo degli studenti, questa mattina, all’istituto Quintiliano. I ragazzi protestano per le condizioni dell’edificio e chiedono soluzioni immediate e concrete.

Il problema è sempre riferito al problema economico e gestionale dell’ex Provincia, che si trova in difficoltà, commissariata, con un enorme debito e senza un indirizzo politico e introiti certi. Gli studenti domani saranno nuovamente in piazza per protestare proprio contro il mancato interesse delle istituzioni alle proprie condizioni. Decine di cartelli e slogan raccontano il problema affrontato dai ragazzi, quotidianamente.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo