Siracusa, sindacati pronti a dichiarare il blocco dello straordinario delle lavorazioni edili nella zona industriale

Se le imprese del comparto non verseranno nella busta paga di agosto le anticipazioni della Cig spettante a causa di scioperi indetti da maestranze di altre imprese

sindacati

Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil sono pronti a dichiarare il blocco dello straordinario delle lavorazioni edili nella zona industriale a settembre, se le imprese del comparto non verseranno nella busta paga di agosto le anticipazioni della Cig spettante a causa di scioperi indetti da maestranze di altre imprese, come previsto dalla legge.

“Abbiamo comunicato stamani, a Confindustria e Ance Siracusa – esordiscono i tre segretari generali di categoria Saveria Corallo, Paolo Gallo e Salvo Carnevale – , i contorni della vicenda che, oltre ad essere fuori dalla legge, contribuisce in maniera insopportabile ad alimentare ulteriori tensioni fra lavoratori dentro quella polveriera sociale che è la zona industriale. Non possiamo consentire il mancato rispetto della legge e il sospetto comportamento delle imprese che monetizzano il disagio sulle spalle dei lavoratori, non aprendo nelle sedi Inps competenti le procedure di cassa integrazione. Non vorremmo trovarci dinanzi a un disegno tanto chirurgico quanto perverso: alimentare il clima di tensione togliendo sia la copertura economica prevista dalla legge per chi subisce scioperi, sia la naturale solidarietà tra gli operai, elemento assolutamente determinante per la condizione dei lavoratori, determinando di fatto una oggettiva condizione di spaccatura soprattutto all’interno dell’indotto”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo