Siracusa, sorpresi a 14 anni mentre rubano merce dagli esercizi commerciali: attivati i servizi sociali

In un caso si è trattato di un ragazzino sorpreso dai proprietari di un negozio di elettronica ad aver rubato della merce di poco valore, in un secondo caso è stata fermata una ragazzina che aveva sottratto prodotti per l’igiene e la bellezza del corpo del valore complessivo di 250 euro

furto-in-negozio

Due episodi negli ultimi giorni, sembrerebbero far pensare all’esistenza di un fenomeno che vede coinvolti ragazzini di giovane età in episodi di taccheggio e furto agli esercizi commerciali. Infatti, nel corso dell’ultima settimana, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile sono intervenuti in due esercizi commerciali, allertati dai responsabili che avevano sorpreso alcuni giovanissimi, minori di 14 anni, a sottrarre alcuni articoli in vendita.

In un caso si è trattato di un ragazzino sorpreso dai proprietari di un negozio di elettronica ad aver rubato della merce di poco valore, in un secondo caso è stata fermata una ragazzina che aveva sottratto prodotti per l’igiene e la bellezza del corpo del valore complessivo di 250 euro. L’intervento dei Carabinieri ha consentito di recuperare la merce e di restituirla ai legittimi proprietari ma soprattutto di collaborare con l’Autorità Giudiziaria Minorile al fine di intraprendere il percorso necessario al recupero del minore. In questo ambito vengono anche coinvolti i servizi sociali ogniqualvolta si verifichi che questi giovanissimi provengano da situazioni famigliari problematiche, in cui i genitori risultino assenti o poco presenti, alcuni in carcere o agli arresti domiciliari. Altre volte sono figli di mamme sole, che appena vengono chiamate dai Carabinieri per riprendersi i figli, lasciano il lavoro e corrono in caserma in ansia per quanto accaduto.

Nel corso dell’anno scolastico, l’impegno dei Carabinieri nelle numerose conferenze che vengono tenute, è finalizzato proprio alla trattazione delle tematiche che vedono i giovanissimi compiere reati, proprio con lo scopo di effettuare una profonda azione di prevenzione affinché, fin dalla più giovane età, vi possa essere la cognizione che, nonostante solo al compimento dei 14 anni si possa essere imputabili, comportamenti che si possano ricondurre anche a reati minori, possono segnare il futuro dei ragazzi. Il rischio è che la mancata percezione, fin dall’età più giovane, della gravità di un atto che possa configurare un furto, possa portare questi ragazzi a compiere atti ancor più seri o, addirittura, ad essere assorbiti da circuiti criminali già strutturati soprattutto quando, qualcuno di loro, dopo aver sottratto alcuni oggetti dai negozi, tentano di rivenderli magari attraverso qualche bancarella improvvisata che in alcuni casi fa da corollario ai mercatini. L’obiettivo dell’Arma in interventi di questo tipo è, soprattutto, recuperare il minore con tutti i mezzi a disposizione, con la speranza che quel piccolo furto, quella volta, sia stato solo una semplice bravata.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi