Siracusa, tariffe della piscina alla Cittadella dello Sport: Aquatic club e Sikelia contro Cc Ortigia

Il sindaco ha dato mandato al proprio dirigente del settore Enzo Miccoli di verificare il rispetto del capitolato

Siracusa, Attacco epilettico durante una nuotata in piscina: un 16enne salvato dal medico del 118

Botta e risposta sulle tariffe della Cittadella dello Sport, per quanto riguarda la piscina, tra le società Aquatic club e Sikelia waterpolo da una parte e il gestore Cc Ortigia dall’altra. I presidenti Riccardo Barone e Franco Guglielmo denunciano il tentativo dell’Ortigia di “modificare il criterio di applicazione delle tariffe per gli spazi acqua delle piscine comunali, adducendo motivazioni pretestuose e prive di qualsiasi fondamento”.

Il sistema tariffario è stato infatti regolato dalla Giunta comunale con delibera n.148 dell’agosto 2017, che ha comportato un significativo aumento delle tariffe rispetto a quelle previste dal capitolato prestazionale, allegato all’Avviso di gara.

“Incurante del divieto sancito negli atti di gara secondo cui “Le tariffe non possono essere variate per i primi tre anni della concessione” (art. 7 del capitolato prestazionale) – dicono – il gestore con artifici vari è tornato alla carica richiedendo ulteriori e gravosi aumenti tariffari che determinano un incremento massimo del 234 per cento rispetto alle tariffe applicate negli anni precedenti. Tali aumenti comportano un pesante aggravio per le famiglie e vanificano “le finalità sociali e aggregative” che sono proprie dello Sport ed esplicitate all’art. 1 del capitolato prestazionale”.

Le società hanno fatto presente ai competenti uffici comunali questa situazione e sono in attesa di riscontro, nel frattempo fanno sapere di volersi astenere da ogni pratica sportiva negli impianti della Cittadella “poiché è impensabile iniziare l’attività sportiva se preliminarmente le tariffe non siano stabilite con certezza dall’Amministrazione Comunale” e inoltre annunciano per i prossimi giorni una manifestazione pubblica di protesta e una conferenza stampa per chiedere al sindaco Italia di ascoltare le proprie ragioni.

Il sindaco ha dato mandato al proprio dirigente del settore Enzo Miccoli di verificare il rispetto del capitolato, nel frattempo il Circolo Canottieri Ortigia respinge le accuse, ritenute “palesemente false e pretestuose, dal momento che ci siamo sempre attenuti alle disposizioni tariffarie comunali stabilite dalla delibera e, anzi, per venire incontro alle esigenze delle società e delle famiglie, due anni fa abbiamo applicato tariffe più basse rispetto a quelle stabilite dal Comune stesso. Ci teniamo inoltre a sottolineare che abbiamo sempre comunicato con largo anticipo a tutte le società, ivi comprese naturalmente Aquatic Club e Sikelia Waterpolo, le tariffe applicate”.

In ogni caso, per quanto li riguarda, fanno sapere che gli impianti sono a disposizione delle due società già da lunedì, e aggiungono anche che, nel caso in cui dovessero giungere ordini, chiaramente motivati, da parte del Comune di modificare il tariffario determinato dalla delibera, sarebbero pronti a effettuare senza alcun problema il conguaglio della parte eccedente.

“Sinceramente siamo sorpresi da questa sterile polemica nei confronti della nostra società e della nostra gestione – concludono i vertici della società – che sta portando miglioramenti visibili e tangibili all’intero complesso della Cittadella dello Sport, cosa che presumibilmente ha consentito anche ad Aquatic e Sikelia di moltiplicare il numero degli iscritti. Pertanto, ci sfugge quali siano le motivazioni e gli obiettivi reali di una polemica basata peraltro su informazioni totalmente prive di fondamento e che possiamo facilmente smentire in qualsiasi sede”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo