Siracusa, uomo carbonizzato in auto: non si esclude l’ipotesi omicidio dopo l’autopsia

Il medico legale ha eseguito una tac e ispezionato la salma in cerca di elementi che potessero fare luce sulle cause della morte

whatsapp-image-2018-12-03-at-9-02-39-am

Restano ancora molti dubbi attorno alla morte di Angelo Caruso, il 60enne disoccupato trovato carbonizzato all’interno di un’auto, una Fiat 500 vecchio tipo, in via Foti lunedì mattina.

Sul cadavere è stata compiuta ieri pomeriggio l’autopsia da parte del medico legale Francesco Coco, il quale ha raccolto tutti i campioni necessari a fare chiarezza sulla vicenda e sui quali saranno compiuti gli esami istologici e il test tossicologico. Inoltre, il medico ha eseguito una tac e ispezionato la salma in cerca di elementi che potessero fare luce sulle cause della morte.

Non è da escludere, infatti, che Caruso sia stato prima ucciso e solo dopo bruciato dentro l’auto per non lasciare tracce. Sulle indagini, affidate alla Squadra mobile di Siracusa e coordinate dal procuratore Fabio Scavone, c’è il massimo riserbo e per gli investigatori resta ancora aperta l’ipotesi del suicidio.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo