Siracusa, violenza al Pronto soccorso: aggrediti due medici e una guardia giurata |"Posto di Polizia da attivare h24"

A uno dei medici sono stati dati 15 giorni di prognosi per lesioni al collo, all'altro invece 30 giorni per lussazione a una spalla

pronto_soccorso_siracusa-675x350

Violenza al Pronto soccorso dell’ospedale Umberto I di Siracusa. Ieri nel primo pomeriggio sono stati aggrediti due medici da un paziente a cui era stato assegnato un codice verde. Poco prima delle 14, infatti, dopo un’attesa di una decina di minuti circa, un uomo ha prima chiesto con forza un intervento immediato dei sanitari e successivamente si è scagliato contro uno dei medici tentando di soffocarlo e contro un altro che si era mosso per aiutare il collega. Ne è scaturita una lite che ha portato alla denuncia del paziente violento e agli infortuni per i due medici: a uno sono stati dati 15 giorni di prognosi per lesioni al collo, all’altro invece 30 giorni per lussazione a una spalla.

Poco dopo le 23, un’altra lite ha coinvolto una Guardia giurata che era intervenuta per calmare un altro paziente che, stanco di attendere, inveiva contro il personale sanitario impegnato nelle urgenze fino ad arrivare a un violento scontro con il vigilante, costringendo il personale sanitario a chiamare la Polizia di Stato. “Facciamo fatica a conoscere le motivazioni di queste aggressioni – dice il primario del Pronto soccorso, Carlo Candiano – l’episodio di ieri, peraltro, non è scaturito da un’eccessiva attesa o dalla sottovalutazione di un caso clinico perché il reparto non era sovraffollato. Una violenza gratuita e infondata, da un paziente in codice verde che aveva esordito con un linguaggio verbale fuori misura nel rivolgersi al medico”.

Si sarebbe dovuto tenere oggi, infatti, il sit in del personale paramedico del Pronto soccorso. L’iniziativa, a carattere spontaneo, è motivata anche dal ripetersi di episodi di violenza ai danni di infermieri e medici ma a causa del maltempo è stata rinviata ad altra data.

“È una situazione ingestibile, quella del Pronto soccorso – sottolinea Enzo Vaccaro, infermiere e segretario Cgil Siracusa – bisogna riaprire il posto di Polizia h24 perché, anche se non ha compiti di ordine pubblico, la presenza degli agenti è comunque un deterrente. Al di là del problema di sistema, della carenza di posti e di dotazione organica, il nostro Pronto soccorso è il quarto per interventi in Sicilia eppure abbiamo i tempi di attesa più bassi della Sicilia. Chiediamo con forza l’intervento al direttore generale, non possiamo andare avanti così”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo