“Sortino, sporca e abbandonata”: l’attacco del movimento Sortinesi liberi sulla gestione del servizio di igiene urbana

“Nonostante i paletti fermi del nuovo capitolato – aggiunge – la sporcizia è tale e quale a prima e si continua a navigare a vista senza alcun criterio dal punto di vista della gestione dei rifiuti, che penalizza Sortino dal punto di vista dell'immagine e del decoro urbano

rifiuti-sortino

“La città è in totale stato di abbandono, sporca, nonostante la nuova gara d’appalto e una differenziata al 45%. Non basta. Devono esserci più mezzi, contenitori idonei per i condomini, bisogna lavare e manutenere i cassonetti e avere strade più pulite”. La denuncia è di Carlo Auteri del movimento Sortinesi liberi che critica la gestione politica del servizio di igiene urbana, puntando il dito sull’assessore all’Ecologia Valentina Cianci.

“Nonostante i paletti fermi del nuovo capitolato – aggiunge – la sporcizia è tale e quale a prima e si continua a navigare a vista senza alcun criterio dal punto di vista della gestione dei rifiuti, che penalizza Sortino dal punto di vista dell’immagine e del decoro urbano”.

Nulla contro i dipendenti, Auteri se la prende con la gestione dell’assessore da cui aspetta novità sostanziali da tre anni a questa parte. “Una città come Sortino – conclude – deve avere Ferla e Solarino come tema di confronto, e proprio da loro dovremmo imparare”.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo