Ultima chiamata per il Siracusa calcio, pubblicata la manifestazione d’interesse per una nuova società

Chi è interessato a fare calcio a Siracusa? Lo scopriremo il 23 luglio, ultimo giorno per la presentazione delle istanze

siracusa-calcio-festeggiamento

Chi vuole far calcio a Siracusa adesso è chiamato a farsi avanti. Sul serio e non a parole. Dopo la delusione per la mancata iscrizione al campionato di Lega Pro e la “fuga” del duo Alì-Santangelo, il Comune di Siracusa ha pubblicato la manifestazione di interesse per l’iscrizione di una nuova società al campionato di serie D (in sovrannumero). Gli interessati potranno far pervenire le proprie istanze entro il 23 luglio via Pec al sindaco Francesco Italia.

Oltre all’istanza di partecipazione le nuove società, o meglio, le costituende società dovranno presentare l’organigramma societario già esistente o da costituire, con cui si intende richiedere l’iscrizione al campionato della squadra di calcio che dovrà essere denominato “Siracusa” e contraddistinta dal colore azzurro. Inoltre ciascuno dei soggetti della nuova società dovrà dichiarare di non aver ricoperto negli ultimi 5 anni il ruolo di socio, amministratore e/o di dirigente con poteri di rappresentanza in ambito federale, in società destinatarie di provvedimenti di esclusione dal campionato di competenza o di revoca dell’affiliazione dalla Figc. Di non aver riportato condanna, con sentenza passata in giudicato a pena detentiva per reati, non colposi, puniti con pena superiore a 5 anni, o condanne con pene detentive per reati contro il patrimonio, per bancarotta fraudolenta, nè di essere stato coinvolto in scandali calcistici con conseguenti pene. Di conoscere e impegnarsi a rispettare gli obblighi del Codice di Giustizia sportiva e delle norme organizzative interne federazione e di non trovarsi in condizioni di impossibilità a contrattare con la pubblica amministrazione.

I soggetti indicati come attuali o futuri soci dovranno impegnarsi a richiedere l’ammissione della squadra al campionato di serie D presentando tutta la documentazione e dovranno impegnarsi quindi al versamento del contributo di 350 mila euro alla Figc oltre a dover osservare tutte le prescrizioni che saranno indicate dalla federazione per l’iscrizione al campionato. Ma oltre alle carte bollate la nuova società dovrà presentare un valido e concreto impegno sportivo con l’organizzazione e la gestione della prima squadra con i relativi obiettivi tecnico -agonistici e con l’ambizione di ritornare nella serie superiore, l’organizzazione e la gestione del settore giovanile, eventuali progetti di valorizzazione e marketing territoriale inerenti la storia calcistica siracusana e il coinvolgimento della tifoseria ed eventuali progetti di rilevanza sociale.

Richiesto anche un business plan solido. Il piano economico, della durata di 3 anni dovrà tenere conto delle necessità organizzative, patrimoniali ed economiche per partecipare ai campionati della Figc/Lnd a partire dalla prossima stagione sportiva, nonchè delle risorse necessarie alla realizzazione del progetto di sviluppo necessario al piano triennale delle attività sportive. In particolare nel business plan da presentare dovrà essere presente il piano previsionale di massima dei costi e ricavi previsti nel primo triennio di attività, diviso per ogni annualità e organizzato per macro aree e l’individuazione di eventuali sponsor o sostenitori già individuati.

La partecipazione al campionato di serie D – commenta il sindaco Italia – è quasi doverosa par una città come la nostra, per la fama di cui gode e per cosa rappresenta e ha rappresentato nel mondo dello sport. La passione dei tifosi verso la loro storica squadra non è spenta ma dobbiamo essere capaci di creare un nuovo entusiasmo, alimentato da idee moderne e sostenute da una gestione manageriale della società, capace di muoversi secondo obiettivi e senza improvvisazione. Penso che ciò sia possibile e penso che l’immagine di Siracusa sia un traino interessante anche per chi vuole investire nel calcio”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo